Incidente di Gemona: la conducente della Zafira indagata per omicidio colposo

Iscritta nel registro degli indagati la 35 enne di Tolmezzo Alessia Soppelsa. Secondo quanto diffuso dal suo legale avrebbe dichiarato che il gesto alla guida è stato determinato dall'ingresso di un'ape o vespa all'interno dell'abitacolo del mezzo

Marco Monaro e Laura Bassi

Alessia Soppelsa, la 35 enne di Tolmezzo conducente della Opel Zafira che domenica pomeriggio avrebbe invaso l'opposta corsia di marcia sulla Pontebbana all'altezza di Gemona, causando il gravissimo incidente in cui sono morti tre giovani, è  stata iscritta nel registro degli indagati. L’ipotesi di reato che le viene riferita è quella di omicidio colposo, come prevede la prassi procedurale. Si tratta di un atto a garanzia stesso della conducente per consentire lo svolgimento garantito di una consulenza tecnica per ricostruire la dinamica dell'incidente. Secondo quanto reso noto dal legale della donna questa ha rivelato di aver compiuto un gesto istintivo perché nella sua automobile era entrata un’ape o una vespa.

Nel frattempo, la Procura ha rilasciato il nulla osta per la celebrazione dei funerali delle tre giovani vittime, quello della giovane mamma - Chiara Scalfari - che viaggiava sul sedile passeggero della vettura, di 29 anni, di Tolmezzo, e dei due motociclisti deceduti nell'impatto, Kevin Crismani, di 21 anni, e Marco Monaro, di 26. Restano gravissime le condizioni della ragazza - Laura Bassi, di 19 anni, cui è stata amputata una gamba - che viaggiava insieme con quest'ultimo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Taylor Mega fa il dito medio alla Polizia, cacciata in diretta da Canale 5

  • Nota artigiana udinese scompare da casa: l'appello del fratello

  • Decine di chili di pesce e carne scaduti al ristorante e serviti ai clienti

  • Martignacco, sequestrati 100 chili di pesce al ristorante

  • Addio al dottor Sacco, per anni un riferimento del reparto di oncologia

  • Due fotografi friulani tra i migliori al mondo nell'immortalare i matrimoni

Torna su
UdineToday è in caricamento