Liberano dal recinto Bianchino, l'asino muore travolto da un furgone

L'animale era l'attrazione principale della fattoria allestita per le festività al Villaggio del Sole

Quello che si sospetta essere un gruppetto di 5 giovani, la notte tra mercoledì 12 e giovedì 13 dicembre, ha compiuto un'incursione nella fattoria allestita da Cospalat e Pro loco al Villaggio del Sole per le festività natalizie. La banda, una volta aperto il recinto, si è introdotta illegalmente facendo scappare l’asino e danneggiato la struttura in legno che gli dava riparo.

L'investimento

Bianchetto, questo il nome del docile asino nano di 10 anni, vera attrazione della fattoria che in questi primi giorni di allestimento aveva ricevuto le visite di decine di bambini e adulti , è così scappato verso il Cormor vagando per 4 ore solo, spaesato e spaventato. Giunto in viale Boccaccio, verso le 5.30, un furgone Renault lo ha investito uccidendolo con un colpo risultato fatale. L'udinese di 40 anni alla guida del veicolo ha riferito alla polizia stradale di esserselo ritrovato in mezzo alla strada e, nonostante il brusco tentativo di franata, di non aver potuto evitare l'impatto al buio.

La delusione

Sdegno e rabbia si sono levati per l'accaduto sia nel quartiere che in tutta Udine. Gli allestitori e il proprietario dell'asinello hanno quindi deciso di smontare la fattoria e riportare a casa anche gli altri animali. “Bianchino era un asino mite, che amava la gente e i bimbi”, ha spiegato Renato Zampa della Cospalat a Simonetta D'Este del Messaggero Veneto. “Siamo rattristati da quello che è accaduto". Sul caso ora indagano i carabinieri di Udine.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Uomo a terra in viale Volontari della Libertà

  • Accoltellamento in via Scrosoppi, ferita una ragazza dopo una lite

  • Confonde l'acceleratore col freno e tampona cinque auto

  • Schianto nella notte, muore a 39 anni

  • Distruggono la piscina di Feletto, danni per oltre 50mila euro

  • Morto folgorato al primo giorno di lavoro, si va al processo

Torna su
UdineToday è in caricamento