Caso Regeni, niente aperture o passi avanti dalle autorità egiziane

La situazione di stallo è stata segnalata dal procuratore della Repubblica di Roma Giuseppe Pignatone

Il caso di Giulio Regeni è in una fase di stallo. La situazione è sostanzialmente bloccata per quanto riguarda l'inchiesta della procura della Repubblica di Roma sull'uccisione del ricercatore di Fiumicello in Egitto. 

Gli indagati

«Dopo l'iscrizione nel registro degli indagati di cinque esponenti di servizi segreti e polizia investigativa egiziani, da parte delle autorità giudiziarie del Cairo non ci sono stati passi o aperture, mentre da parte italiana è stato fatto tutto il possibile». Lo ha detto, secondo quanto riportato dall’agenzia Ansa, il procuratore di Roma — Giuseppe Pignatone — nel corso di un'audizione che si è svolta ieri al Copasir, il Comitato parlamentare per la sicurezza pubblica.

Potrebbe interessarti

  • Contributi per la casa, ecco le nuove regole

  • Come riconoscere l'allergia al nichel

  • Immobiliare: Udine, Lignano e Carnia trainano il mercato

  • Ristoranti vegani: dove andare in città?

I più letti della settimana

  • Turista posteggia l'auto sul lungomare di Lignano e lascia il cane chiuso dentro

  • Giallo sulla morte di Anamaria, la giovane parrucchiera trovata morta in un bosco

  • Tragica fatalità, agricoltore muore dopo aver acquistato un trattore

  • Incidente stradale, il bilancio è di un morto e tre feriti

  • Sequestrati in provincia di Udine 100 kg di preparato per gelato scaduto

  • FOTONOTIZIA: Cade dalla bici e batte la testa

Torna su
UdineToday è in caricamento