I reati calano ma i cittadini si sentono più insicuri, il paradosso spiegato del Questore

Il Questore di Udine Manuela De Bernardin è intervenuto al Digital Security Festival sulla "Consapevolezza dei rischi nell’era digitale in azienda, a scuola e a casa"

Viviamo in un'epoca di grandi rischi digitali, per questo nel pomeriggio di ieri si è svolto a Udine nella sede di Confindustria il Digital Security Festival sulla "Consapevolezza dei rischi nell’era digitale in azienda, a scuola e a casa".

Anche il questore di Udine Manuela De Bernardin è intervenuto, spiegando come «nella società post-moderna, la società del rischio e dell’incertezza, l’umanità vive in un mondo oggettivamente più sicuro; ne è testimone il progressivo innalzamento della qualità e dell’aspettativa di vita media».

Le insidie sono però ovunque. «L’uomo post-moderno, socialmente pacificato e con un migliore tenore di vita, oltre a maturare una percezione più sensibile dei propri bisogni – tant’è che si parla di “paradosso sicuritario”, ovvero la dilatazione del senso di insicurezza a fronte di un oggettivo miglioramento dello stato delle cose - si trova di fronte a nuovi rischi indotti dalla modernità, dal progresso e dalla tecnologia».

Il riferimento è al pensiero di Zygmunt Bauman, teorico della “società liquida” che dichiarò “Il progresso, che un tempo costituiva la manifestazione più estrema di ottimismo ed una promessa di felicità, ora rappresenta la minaccia del cambiamento inarrestabile ed inevitabile, che suscita solo crisi e tensione”.

Secondo quanto emerso dal convegno, l’era informatica ha comportato diverse conseguenze:

l’ampliamento del patrimonio conoscitivo di ciascuno di noi (il mondo a portata di clic)
la velocizzazione dello scambio di informazioni
la democratizzazione  dell’informazione – ma anche
la difficoltà di controllare i flussi informativi e talvolta l’impossibilità di eliminazione di dati e informazioni dal circuito
l’utilizzo dei nuovi mezzi a fini criminali.


Secondo le dichiarazioni della Questura, è un dato di fatto che di fronte ad un consolidato trend che vede un calo dei reati, in particolare quelli predatori classici, i reati informatici sono in crescita. Ai nuovi rischi legati all’era digitale le Istituzioni hanno risposto con interventi informativi e strutturali. Da un lato è fondamentale che la comunità, i giovani in quanto vulnerabili per età, ma anche gli adulti, vulnerabili in quanto nati e cresciuti in un’altra era, siano correttamente e adeguatamente informati e resi consapevoli del reale stato delle cose, dei rischi, degli strumenti di autoprotezione e di difesa offerti dalle istituzioni.

E le Forze di Polizia hanno affinato l’attività di comunicazione, con progetti specifici di informazione e formazione  nelle scuole e campagne dirette ai giovani e meno giovani. Sono intervenute poi dal punto di vista strutturale, potenziando o dotandosi di strutture operative fortemente specializzate e competenti. In quest’ottica nel 2017 il Ministero dell’Interno, nella definizione dei “comparti di specialità”  che ha voluto riconoscere e potenziare le diverse eccellenze delle Forze di Polizia in specifici settori, ha definito il comparto della “sicurezza postale e delle comunicazioni”, che è chiamato a contrastare il crimine informatico, garantire la sicurezza e la fruibilità della rete e proteggere la segretezza delle comunicazioni.

Il ruolo della Polizia Postale

Le minacce che investono tale comparto attengono da un lato alla sicurezza, riservatezza e integrità della rete e dall’altro all’utilizzo criminoso dei nuovi strumenti informatici per la commissione di reati. Ruolo strategico in questo comparto è detenuto dalla Polizia Postale e delle comunicazioni, Specialità della Polizia di Stato, che ha competenza esclusiva  

- per garantire la sicurezza, l’integrità e la funzionalità delle reti informatiche e dei servizi di telecomunicazione

- per la protezione delle infrastrutture critiche - la prevenzione e il contrasto degli attacchi informatici di livello strategico per il paese

-  nel campo della prevenzione e contrasto della pedopornografia e violenze in danno di minori on line.

Variamente poi tutte le Forze di Polizia hanno affinato la propria capacità investigativa in materia informatica, per stare al passo con la società digitale e concorrendo all’attività di prevenzione e contrasto alle varie tipologie criminose perpetrabili in rete.

Successivamente sono intervenuti il Dirigente del Compartimento della Polizia Postale del Fvg dott.ssa Manuela De Giorgi e l’Ispettore Superiore della Sezione di Udine Annalisa Marini. La Polizia Postale e delle Comunicazioni svolge un importante compito nell’ambito della prevenzione e sensibilizzazione della violenza on line ed in particolare della devianza minorile su internet; fenomeni come il sexting, le social challenge e gli hate speech, come dimostrano anche i recenti fatti di cronaca, hanno trovato grande forza espansiva e capacità di rafforzamento.  L’intervento della dott.ssa Manuela De Giorgi ha analizzato questi fenomeni soffermandosi sull’importanza dell’uso consapevole della rete e sui rischi della stessa. Sono stati trattati altresì i cosiddetti “reati moderni” dal cyberstalking al revenge porn introdotto recentemente dal codice rosso, dal “sex- extortion”  alle truffe sentimentali che inducono sempre più persone  in inganno.

I consigli

L’intervento si è concluso con alcuni importanti consigli e soprattutto con l’invito a denunciare i casi di abuso e sopraffazione; il silenzio infatti è in tutti questi casi il peggior nemico della vittima. Si è parlato infine anche dell’Ammonimento del Questore, strumento amministrativo che rappresenta un importante passo in avanti nella lotta allo stalking e al cyberbullismo. L’Ispettore Superiore  Annalisa Marini ha parlato di cyberbullismo e dell’attività di sensibilizzazione fatta dalla Polizia Postale soprattutto nelle scuole indirizzata agli studenti, agli insegnanti e ai genitori, facendo anche riferimento alla responsabilità dei genitori per gli atti commessi dai loro figli minori.    

Il Commissario Capo Tecnico ing.Giuseppe Panarello ha presentato l’attività di contrasto della Polizia Postale al cybercrime, analizzando dei casi realmente accaduti nel nostro territorio e culminati con la restituzione del denaro illecitamente sottratto alle aziende. In tutti questi casi è assolutamente necessaria una informazione tempestiva alla Polizia Postale perché anche grazie ad importanti piattaforme di collaborazione fra polizie europee per l’analisi ed il contrasto avanzato delle frodi, la Specialità è riuscita in vari casi a bloccare e recuperare  movimentazioni di denaro, intervenendo in tempo reale sulle segnalazioni e bloccando il denaro prima che venisse dirottato su conti correnti aperti da prestanome.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • 4 Ristoranti di Alessandro Borghese, ecco quali sono i locali in gara

  • La "speranza per Maria" si è spenta in maniera tragica

  • Guida Michelin, il Friuli Venezia Giulia si conferma con 10 stelle

  • "4 Ristoranti", le prime indiscrezioni su quello che è piaciuto di più ad Alessandro Borghese

  • Incidente mortale, grave una 25enne barista a Lignano

  • Piano cottura a induzione: come funziona e quali sono i vantaggi?

Torna su
UdineToday è in caricamento