Il Malignani di San Giovanni al Natisone al Salone del mobile di Milano

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di UdineToday

Si chiama OTTO REVERSE OTTO, è la sedia progettata e realizzata da quattro ragazzi del corso “Tecnologie del Legno e Arredo” dell’I.S.I.S. Arturo Malignani di Udine ed è esposta in una delle più prestigiose mostre organizzate per Milano Design Week durante il Salone del Mobile di Milano: “La poltrona moderna di Otto Wagner e degli architetti della Secessione Viennese”, visitabile fino al 28 aprile alla Galleria del Gruppo Credito Valtellinese al Refettorio delle Stelline in Corso Magenta 59 a Milano. Nicola Marussi, Lorenzo Marussi, Simone Noselli, Alessandro Cosmin Bularda hanno partecipato al CONTEST OTTO WAGNER TODAY e sono stati selezionati per l’esposizione. Sono allievi modello che lo scorso autunno si sono volontariamente fatti coinvolgere dal DESIGN FESTIVAL, LA SEDIA CHE VERRÀ dal quale tutto è partito. È stato, infatti, all’edizione 2017 del festival che Giovanni Renzi e Manuela Lombardi Borgia, i curatori della mostra milanese, sono venuti in contatto con la nostra realtà, rimanendo così favorevolmente impressionati dal laboratorio della scuola e dagli allievi da invitare il Malignani a partecipare all’iniziativa. Tema del concorso: la rivisitazione in chiave contemporanea della poltroncina che Otto Wagner disegnò per la Postsparkasse di Vienna nel 1905, icona di stile e ancora oggi uno degli oggetti più conosciuti e desiderati dello stile Thonet. Attraverso un percorso di studio che, passando per la storia, ha richiesto le elaborazioni di disegno al computer, l’esercizio della modellazione solida CAD, la modellistica e infine la prototipazione, i quattro studenti, sotto la guida dei proff. Dario del Zotto e Valter Codromaz, sono arrivati a OTTO REVERSE OTTO, premiata perché per rispetto dell'opera originaria, difficile da rielaborare, effettua un’operazione di inversione in cui l'oggetto assume, incredibilmente, un significato e una forma che propone una lettura in nuovi e diversi termini. In parole povere si tratta di una poltroncina che ne comprende due perché è … ribaltabile!

Torna su
UdineToday è in caricamento