Neutralizzata dal 3°Guastatori una granata della Prima Guerra Mondiale

Si trattava di una bomba di artiglieria da 149 millimetri ad alto esplosivo

Questa mattina gli artificieri del  3° Reggimento Genio Guastatori di Udine, allertati dalla Prefettura di Udine, hanno effettuato un intervento di bonifica del territorio da residuati bellici risalenti al primo conflitto mondiale.

I militari, accompagnati dai carabinieri della stazione di Osoppo, si sono recati in località Alesso nel comune di Trasaghis, dove giorni addietro un cercatore di metalli aveva allertato le forze dell’ordine insospettito dalla presenza di un oggetto anomalo.

Il team E.O.D. (Explosive Ordnance Disposal) della caserma Berghinz di Udine, recatosi sul posto, ha confermato la presenza di un ordigno bellico ancora attivo, catalogandolo in una “Granata di artiglieria da 149 millimetri (HE – alto esplosivo)” di nazionalità italiana e risalente alla Prima Guerra Mondiale.

Dopo aver messo in sicurezza l’ordigno i guastatori lo hanno trasportato in un luogo idoneo al brillamento nel poligono al cielo aperto di Rivoli Bianchi nel comune di Gemona del Friuli, dove nel frattempo una macchina movimento terra, sempre del genio guastatori di Udine, aveva predisposto una buca, in gergo militare detta “fornello”, all’interno della quale, con l’innesco di altro apposito esplosivo militare, alle ore 13 circa l’ordigno è stato definitivamente neutralizzato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In caso di ritrovamento 

E’ bene ricordare a chiunque dovesse imbattersi in oggetti che per forme e dimensione possano richiamare un ordigno esplosivo o parti di esso, che questi manufatti possono essere molto pericolosi e pertanto non devono essere toccati o manomessi in alcun modo, ma ne va denunciato immediatamente il ritrovamento, così da consentire l’intervento degli artificieri al fine di rispristinare le condizioni di sicurezza del nostro territorio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Croazia apre anche ai turisti italiani: chiarita la posizione del Paese

  • L'Austria non apre all'Italia, Fedriga: "Distrutta qualsiasi regola europea"

  • Un grande bar all'aperto: ecco la nuova Piazza San Giacomo a Udine

  • Apre un nuovo locale: la focacceria Mamm si amplia e inaugura un forno bistrot

  • Finestrini sfondati: "Le forze dell'ordine si occupino di quello per cui le paghiamo, non di multe ai locali"

  • Spiagge, nuova ordinanza in arrivo: ecco cosa deciderà

Torna su
UdineToday è in caricamento