Presentato il gestionale cloud "made in Fvg" dedicato alle aziende

Team di giovani ex studenti dell'Università di Udine presenta, nella sua versione beta gratuita, Cofferweb, un nuovo software che ha l'ambizione di semplificare la gestione e la fatturazione delle aziende

Non bisogna necessariamente trovarsi nella Silicon Valley per veder nascere progetti che grazie alla tecnologia, ci aiutano nella vita di tutti i giorni. A conferma di ciò, più volte in passato vi abbiamo raccontato la nascita di progetti ideati da giovani corregionali. Dopo un lavoro durato tre anni, oggi vi segnaliamo la nascita di un nuovo ambizioso servizio, per ora offerto nella sua versione beta, elaborato da un team di ragazzi friulani e veneti (la cui età media si aggira intorno ai 30 anni) dedicato ai liberi professionisti e alle piccole e medie: Cofferweb.

L'idea della giovane startup è quella di semplificare la gestione e il ciclo della fatturazione delle aziende attraverso un sistema "cloud", ovvero un programma, disponibile da qualsiasi computer,  essenziale nell'aspetto e d’immediato utilizzo, sviluppato con il solo scopo di agevolare il modo di gestire la propria attività. “Mentre stavamo cercando un gestionale per la nostra contabilità, ci siamo accorti che sul mercato non c’erano prodotti semplici e immediati. Così abbiamo deciso di svilupparcelo da soli”, ci ha raccontato l'udinese Max Petri, fondatore e coordinatore del progetto. "Il nostro obiettivo - continua Petri - è quello di creare un cambiamento reale nel modello di fare business. Per fare questo mettiamo a disposizione il frutto del nostro lavoro, uno strumento che riesce a mettere in rete, in tutta sicurezza e semplicità, i collaboratori di una qualsiasi azienda. Il software è di rapido utilizzo e si adatta ad ogni tipo di dispositivo (telefonini, tablet, pc, etc.) ed è fruibile da qualsiasi parte del mondo".

Cofferweb non è solo un sistema di fatturazione online: oltre ad essere una vera e propria agenda personale in grado di interfacciarsi con le principali app, è uno strumento nato per incrementare la collaborazione tra dipendenti. Dal proprio profilo personale sarà possibile chattare con i colleghi, scambiarsi documenti, condividere appuntamenti, gestire telefonate e molto altro. Inoltre, il team di sviluppatori ha dedicato particolare attenzione all'esposizione dei dati sensibili ad eventuali minacce hacker: i dati e la comunicazione sono criptati e, qualora i server subissero un attacco informatico, entrerebbero in azione una serie di programmi di protezione dei dati remoti che tutelino la sicurezza dei clienti. La piattaforma sarà in costante aggiornamento e verranno sviluppati nuovi servizi con il passare del tempo.

La squadra di Cofferweb è formata da una decina di persone. Quasi tutte hanno studiato presso l’Università degli Studi di Udine e, prima dello sviluppo di Cofferweb, erano liberi professionisti indipendenti. L’idea è partita dall'incontro tra i due responsabili che circa tre anni fa hanno iniziato a sviluppare il sistema e a reclutare il resto del gruppo. "Lo scorso anno - ha spiegato Petri- il sotware è stato testato da diverse realtà locali ed i feedback raccolti sono stati davvero positivi. Basti pensare tanto che il sito negli ultimi mesi di test ha registrato oltre un migliaio di visite giornaliere a progetto non ancora presentato ufficialemente". Cofferweb sarà a disposizione nella sua versione beta gratuita fino all'inizio del 2016 e per testarlo basterà registrarsi al sito www.cofferweb.com .

Cattura-14-41

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Tentata rapina: minorenne aggredito nella notte a Udine

  • Cronaca

    Salvati Neve e Jack, i due border collie dispersi da una settimana

  • Cronaca

    Scontro tra auto a Oleis di Manzano, ferito un conducente

  • Cronaca

    Sconto carburante in FVG confermato per il primo trimestre del 2019

I più letti della settimana

  • Trovati sul Monte Lussari i corpi di Massimo e Jennifer

  • Escluso dalla classe, il messaggio di dolore lasciato da un bambino sull'Albero dei Desideri

  • Nuovo discount a Udine, in viale Tricesimo apre il quarto megamarket in meno di un chilometro

  • La tragica escursione dei due colleghi morti in montagna

  • Morte sospetta a Pagnacco, la casa del defunto e il racconto del vicino

  • Ore decisive per Massimo e Jennifer, i due escursionisti scomparsi sul Lussari

Torna su
UdineToday è in caricamento