Giornata dello Sport Integrato per aiutare i normodotati

Presentata la quarte edizione dell'iniziativa che si terrà sabato 12 maggio nella palestra dell'Asu in via Lodi. Testimonial d'eccezione: Fiona May

 

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Saranno oltre 200 gli atleti, di cui120 gli Special Olympics, protagonisti: i ragazzi con disabilità intellettiva per l’intero pomeriggio si misureranno con numerose attività sportive, quali karate, aikido, tiro a segno, ginnastica artistica, ballo, scherma, ginnastica ritmica

Un appuntamento fatto di molte cose, e che senza dubbio saprà raccontare il vero spirito racchiuso dentro una breve, quanto grande, parola: sport. Stiamo parlando della Giornata dello Sport Integrato (che si svolgerà il 12 maggio, dalle 15, a Udine), un appuntamento aperto a tutti coloro che vogliono provare queste discipline (gratuitamente, previa iscrizione a csenfriuli@tiscali.it, oppure 348 5296037). Sarà come di consueto una giornata fatta di sport, certo, ma anche di amicizia, divertimento, condivisione, inclusione sociale.

La quarta edizione della manifestazione, organizzata da Special Olympics Fvg in collaborazione con Csen Fvg - Centro Sportivo Educativo Nazionale –  e Asu – Associazione sportiva Udinese – prenderà il via, alle 15 del 12 maggio, al Palazzetto Asu, in via Lodi 1, a Udine, e vedrà l’alternarsi di esibizioni, prove pratiche e competizioni. Protagonisti dell’evento saranno proprio 120 special olympics (oltre 200 i partecipanti, considerati anche gli atleti normodotati), ragazzi con disabilità intellettiva e fisica che per l’intero pomeriggio si misureranno con numerose attività sportive: karate, aikido, tiro a segno, ginnastica artistica e ritmica, ballo, scherma, ginnastica ritmica. Con loro un testimonial d’eccezione: Fiona May l'ex lunghista, triplista e attrice britannica naturalizzata italiana detentrice del record italiano di salto in lungo, sia outdoor che indoor. Tutt'oggi l'atleta italiana che più volte è salita sul podio ai campionati del mondo di atletica leggera.

Si tratta di un appuntamento molto importante e sentito da Csen e Asu che da sempre ritengono lo sport un mezzo per favorire la crescita personale, l'autonomia e la piena integrazione delle persone con disabilità intellettiva: “Ormai si tratta di un evento consolidato per l’Associazione Sportiva Udinese, che siamo molto felici di poter ospitare al PalaFiditalia”, ha chiarito il presidente di Asu, Alessandro Nutta.Il prossimo 12 maggio, - ha proseguito - come oramai avviene da quattro anni, avremo con noi non solo gli Special Olympics, ma anche altre associazioni che si occupano di disabilità e tanti amici di Asu. Questi ragazzi saranno i protagonisti assoluti di una giornata all’insegna dello sport e del divertimento. Assieme a loro - ha concluso - saranno presenti anche molte autorità, una testimonial d’eccezione e come di consueto i nostri sponsor, a cui va un sentito ringraziamento, perchè è anche grazie al loro sostegno, oltre che alla collaborazione di tutti i nostri tecnici, che tutto questo è possibile”. Un’occasione possibile però, come sempre avviene, grazie alla collaborazione di molti. In questo caso, oltre ai numerosissimi volontari, a quella di Panathlon Club Udine, Unione Nazionale Veterani dello Sport, sezione ‘Dino Doni’ Udine, Unione Italiana Tiro a Segno comitato regionale Fvg, Comitato Italiano Paralimpico, Federazione Italiana Scherma; e grazie al sostegno degli sponsor: Maico Sordità, Itas Assicurazioni, Axpo, Fiditalia.

Parlando dell’attività di Special Olimpycs, Giuliano Clinori, direttore regionale di Special Olympics, nonché vice presidente Csen nazionale ha spiegato come: “Ogni anno riusciamo a far avvicinare sempre più ragazzi alle discipline sportive e abbiamo sempre più soddisfazioni dal punto di vista agonistico. L’integrazione e l’inclusione, che sono sempre più presenti nello sport, sono un grande successo, possibile forse anche grazie a questi eventi” In occasione della Giornata dello Sport integrato, inoltre, si festeggeranno i 50 anni di Special Olympics, “un movimento – come chiarito da Clinori - che è partito da zero e adesso ha 4 milioni di tesserati in tutto il mondo”.

Ma veniamo al programma. Dopo l’accredito dei team, alle 15.10 circa è prevista la cerimonia di apertura, alla sala scherma, sarà in quell’occasione che interverranno anche le autorità con i saluti istituzionali. Alle 15.30 si entrerà nel vivo con la divisione degli atleti in 6 gruppi che si sposteranno nelle varie sale del Palazzetto: in sala ritmica si svolgeranno le prove di ginnastica ritmica, ma anche quelle di tiro a segno e ballo. Al tatami invece sarà la volta dell’aikido e del karate. Nelle rispettive sale, poi, spazio anche alla ginnastica e alla scherma. La giornata giungerà a conclusione attorno alle 18.30 con la consegna, a tutti, delle medaglie di partecipazione e dei gadget. In programma, inoltre una lotteria cui potranno aderire tutti i partecipanti: l’estrazione finale prevede un unico premio, il fortunato o la fortunata porterà a casa un tablet.

Programma

ore 15.00: inizio attività al PalaFiditalia Asu di via Lodi 1, Udine

ore 15.00: accredito Team all’ingresso del Palazzetto

ore 15.10: cerimonia di apertura presso la Sala Scherma con saluto delle Autorità

ore 15.30: divisione in 6 Gruppi presso le varie sale

Sala Ritmica: Prove di ginnastica ritmica

Prove di tiro a segno

Prove di ballo

Tatami prove aikido e karate

Sala Artistica: Prove di ginnastica

Sala Scherma: Prove di scherma

ore 18.30: termine alla sala scherma per consegna a tutti di medaglie di partecipazione e gadget con saluto delle autorità.

Biografia Fiona May

Nata nel Regno Unito da genitori giamaicani, Fiona May è un’ex lunghista, triplista e attrice britannica naturalizzata italiana dopo il matrimonio (nel 1994) con Gianni Iapichino, astista e multiplista toscano. L'esordio nella nazionale azzurra è avvenuto nello stesso anno agli Europei di Helsinki, dove conquistò la medaglia di bronzo in quella che sarà la sua specialità, il salto in lungo. Seguì una carriera ricca di successi, fra cui un'altra medaglia europea - d'argento - a Budapest nel 1998, 2 medaglie d'oro mondiali a Göteborg nel 1995 ed Edmonton nel 2001, un argento a Siviglia 1999, un bronzo ad Atene 1997, e due argenti olimpici ad Atlanta 1996 e Sydney 2000. Ad Atene 2004 si classificò però solo 28ª, venendo così eliminata in qualificazione.

Fiona May detiene il record italiano del salto in lungo, che ha migliorato sette volte fino ad arrivare all'ultimo proprio in occasione di una medaglia (Budapest '98), con 7,11 metri; ha stabilito due volte anche il record nel salto triplo fino a portarlo a 14,65 metri, successivamente superato da Magdelín Martínez.

Fiona è stata anche campionessa del mondo indoor nel 1997 e campionessa europea, sempre indoor, nel 1998, e in quest'ultima occasione ha stabilito il primato italiano di salto in lungo al coperto con la misura di 6,91 metri. È stata allenata dal marito, da cui ha avuto anche due bambine, Larissa nel 2002 e Anastasia nel 2009.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Potrebbe Interessarti

  • Eventi

    VIDEO Lo spettacolo delle Frecce Tricolori a Rivolto per 10mila fan

  • Cronaca

    VIDEO Per il selfie di gruppo nessun rispetto per la fontana del '500 in San Giacomo

  • Cronaca

    Turismo dell'inciviltà a Lignano, tuffo nella fontana della piazza

  • Cronaca

    VIDEO Un capriolo fa "ricreazione" alla scuola Pascoli in via Tolmezzo

Torna su
UdineToday è in caricamento