Furto sventato in un negozio dedicato al fai da te, beccato con cacciavite e grimaldello

L'uomo è stato denunciato per tentato furto aggravato

Colpo sventato lunedì notte, 5 novembre, all'Obi di Tavagnacco. Alle 2 di notte uno straniero ha tentato una spaccata. Il soggetto, prima ha alzato le sbarre esterne che proteggono l'ingresso principale, poi ha provato a manomettere e sollevare la saracinesca di protezione. I suoi ripetuti tentativi non sono andati a buon fine, tanto che in breve tempo è scattato l'allarme. Immediato l'intervento delle guardie notturne e quello dei carabinieri  della Stazione di Udine Est, allertati proprio dai vigilantes dopo che questi avevano notato qualche ombra muoversi nelle vicinanze. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il fermo

Una puttiglia dei militari dell'arma si trovava proprio nelle vicinanze. La rapidità dell'intervento ha permesso così ai carabinieri di notare un individuo aggirarsi nei paraggi del complesso. Una volta fermato l'uomo sospetto, è stato trovato in possesso di un cacciavite e di un grimaldello, strumenti che sono risultati subito compatibili con i segni lasciati qualche minuto prima sulla seranda. L'individuo, un 59enne rumeno, è stato quindi identificato e deferito in stato di libertà per l’ipotesi di reato di tentato furto aggravato. Sequestrati, inoltre, gli strumenti utilizzati per lo scasso inon riuscito. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Prova la moto da cross in cortile e perde la vita

  • Un malore improvviso la stronca a 31 anni, muore giovane mamma

  • Nuovo test per il coronavirus: la scoperta all'ospedale di Udine

  • Le fabbriche riaprono in deroga e i sindacati insorgono: proclamato lo stato di agitazione

  • Parcheggia davanti al suo locale per caricare la merce per le consegne ma viene multata

  • Fingono di pagare la piscina ma incassano davvero il resto, denunciate per truffa

Torna su
UdineToday è in caricamento