Il Friuli e le sue aziende, grande successo al Cibus 2018 di Parma

Presenti alla 19a edizione della rassegna di Parma dedicata al mondo agroalimentare Vida, Wolf, Gruppo Pezzetta e Pomis

Friuli protagonista alla 19^ edizione di Cibus. La rassegna di Parma dedicata al mondo agroalimentare in programma dal 7 al 10 maggio si è rivelata, ancora una volta, un successo, e le aziende del Fvg non si sono fatte mancare l'occasione di essere presenti alla grande rassegna internazionale.

Fra le 3.100 realtà operanti nel settore che hanno preso parte all'appuntamento 2018 c'era infatti anche una nutrita pattuglia di portacolori “made in Friuli”: a Cibus ha partecipato, per esempio, il Gruppo Pezzetta di Fagagna (Ud) che sul piatto ha messo i suoi apprezzati formaggi, uno su tutti, il Montasio Dop, capace nel corso degli anni di riscuotere notevole gradimento crescente, come testimoniato pure a Parma. Si è affacciata alla rassegna anche la Pomis di Mortegliano (Ud), azienda produttrice di mele, ed i noti succhi confezionati. Spazio poi, naturalmente, per i salumi d'eccellenza, un fiore all'occhiello regionale riconosciuto su scala mondiale, con tre aziende di rilievo che hanno impreziosito Cibus 2018. Ospite fisso alla rassegna, e che non ha voluto mancare nemmeno quest'anno, anche la Wolf di Sauris, impegnata nell'occasione anche nella presentazione del suo nuovo speck “Nonno Bepi”, che nasce con stagionatura più lunga ed è la naturale evoluzione del prodotto tradizionale. Ottimi riscontri anche per il Salumificio Luigi Vida di Torreano (Ud).

Una vetrina significativa visto che all'edizione 2018 della kermesse hanno partecipato, come detto, oltre 3.000 imprese italiane e sono stati presentati oltre 1.000 nuovi prodotti. Sono circa 80.000 gli operatori professionali che hanno preso parte all'evento, con 2.500 top buyer esteri. Un settore, quello dell'agroalimentare, che continua a “tirare molto”, a partire dalla nostra regione dove gli ultimi indicatori sono tutti in crescita: nel 2016 (ultimo dato disponibile) il settore dell'industria alimentare in Friuli Venezia Giulia ha fatto registrare un incremento nelle esportazioni pari al 2,1%, sinonimo di un crescente interesse estero verso i prodotti. Ma quanto pesi il comparto lo testimoniano anche altre cifre emerse nel contesto di Cibus: durante un convegno IRI (Information Resources Inc.) è stato evidenziato come per ogni 100 euro spesi in prodotti confezionati di largo consumo in Gdo, 68 siano dedicati al settore Food. Tra i prodotti più richiesti figurano: gelati e surgelati; freschi confezionati; drogherie e alimentari; bevande; ortofrutta confezionata. Inoltre, Federalimentare ha tenuto durante la kermesse la sua assemblea nazionale, annunciando che il fatturato delle industrie alimentari per il 2018 punta a 140 miliardi di euro, con un export lanciato verso i 34 miliardi. Un settore, quindi, strategico anche in ottica futura, nel quale le eccellenze delle aziende friulane continuano a splendere di luce propria. Il loro successo a Cibus 2018 lo testimonia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Travolta da un’acquasantiera, muore a 7 anni

  • Minorenne al volante per un giro con sette amici si schianta e muore a 15 anni

  • Chi era Daniele Burelli: aveva una passione profonda per le auto e i motori

  • Incidente all'alba, muore una mamma mentre accompagna la figlia a scuola

  • "Non fate il suo stesso errore", così la famiglia Burelli ricorda il ragazzo e lancia un appello

  • Incidente mortale in piazzale D'Annunzio, perde la vita una donna

Torna su
UdineToday è in caricamento