Fontanini-Belviso, la Procura indaga su un sospetto voto di scambio

Aperto un fascicolo sull'assunzione a Palazzo D'Aronco del blogger

Assunzioni "sospette" al Comune di Udine. La Procura della Repubblica di Udine indaga per verificare l'esistenza di quello che potrebbe essere definito "voto di scambio" nelle pratiche che hanno portato il giornalista Marco Belviso all'interno dello staff che si occupa della comunicazione della Giunta Fontanini. Dopo l'esposto presentato alcune settimane fa da Irene Giurovich, giornalista candudata per la stessa posizione e non selezionata, la magistratura — come anticipato da Marco Ballico su Il Piccolo nell'edizione odierna  — ha deciso di aprire un fascicolo per capire meglio ciò che è ruotato attorno alle elezioni dello scorso 29 aprile che poi hanno visto vincere al ballottaggio il centro destra con la trazione della Lega. Al momento nessuno risulta indagato, ma il fascicolo esiste ed è in mano al pm Marco Panzeri. 

La situazione

Nell'esposto di Giurovich si segnalano vari aspetti. Fra questi forse il più interessante riguarda l'utilizzo irregolare in sede di elezioni del nome e del simbolo di "Identità Civica", lista presentata da Loris Michelini senza la necessaria autorizzazione da parte del fondatore Adriano Ioan, mancato nel 2015. Oltre ad invocare l'annullamento del risultato elettorale, la segnalazione prosegue anche con la ricostruzione della vicenda inerente il blogger Marco Belviso che da avversario di Fontanini, non solo avrebbe virato bruscamente le preferenze politiche a ridosso della campagna elettorale, ma poi è stato premiato con l'assunzione a tempo determinato nello staff di sindaco attraverso un bando pubblico scritto ad hoc (categoria C - per non laureati).

Scrive Ballico

«Giurovich, che pure aveva partecipato alla selezione, cita i ripetuti post anti Fontanini. Si passa da "anziano plurivitaliziato" a "invotabile" (vedi allegati) e denuncia il successivo cambio di rotta che ha porta to il "Perbenista" a chiedere il voto per il leghista"». Non meno strane, sempre secondo Giurovich, sono poi le procedure di assunzione adottate dal Comune e che infatti hanno attirato le attenzioni della Federazione della stampa. «Il posto pubblico  - spiega -risulterebbe una sorta di cambiale, di possibile voto si scambio elettorale», cosa poi  trapelata dallo stesso Fontanini in un'intervista al Messaggero Veneto in cui dichiarava "Non mi ha mai trattato bene sul suo blog, ma ho pressioni affinchè gli si dia fiducia". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Mozione di Bertossi

E sempre in tema, proprio ieri Enrico Bertossi ha depositato un'interrogazione da discutere in Consiglio Comunale per chiedere a Fontanini le modalità adottate per la selezione del personale del suo ufficio stampa, composto oltre che da Belviso anche dal giornalista  Francesco Chert. Nella mozione il capogruppo di Prima Udine chiede trasparenza su curricula, conoscenza dell'inglese, posizione rispetto agli obblighi di leva e di giustizia.

Francesco Chert scelto come capo ufficio stampa di Fontanini

Profilo Facebook del Comune, l'opposizione protesta con un'interrogazione 

Il Comune chiede su Facebook come fare coi migranti, bufera sul social 

Nuova legge elettorale: soldi per essere primi nelle liste

Belviso: "La casta degli intoccabili è riuscita a oscurare Il Perbenista"

Diffamazione: sotto sequestro il blog "Il Perbenista"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente mortale a Castions, la vittima era un ex calciatore

  • Scontro sulla Napoleonica, un morto tra Morsano e Castions

  • Aria salubre e sicura con la corretta manutenzione dei climatizzatori

  • La Croazia apre anche ai turisti italiani: chiarita la posizione del Paese

  • «I comportamenti siano responsabili. Evitiamo il rischio di un nuovo “lockdown”»

  • Un grande bar all'aperto: ecco la nuova Piazza San Giacomo a Udine

Torna su
UdineToday è in caricamento