Flop dell'Uniud, ammesso a finanziamento solo un dipartimento su otto

L'ateneo friulano è stato definito dall'Anvur, l'agenzia di valutazione universitaria il "fanalino di coda del Nordest". Mario Pittoni responsabile federale Istruzione della Lega e presidente regionale del Carroccio: "Fallimento imputabile a piani strategici inadeguati"

Immagine d'archivio

«Vi sono precise responsabilità per il flop dell'Università di Udine, certificata dall'Agenzia nazionale di valutazione del sistema universitario e della ricerca (Anvur) quale fanalino di coda a Nordest». Lo afferma Mario Pittoni, responsabile federale Istruzione della Lega e presidente regionale del Carroccio,

Dipartimenti finanziati

 «Tra i 180 dipartimenti d'eccellenza complessivamente ammessi a finanziamento ministeriale - prosegue Pittoni -  ne troviamo 13 su 15 a Padova, 8 su 10 a Trento, 5 su 8 alla Ca Foscari di Venezia, 5 su 12 a Verona, 2 (Medicina e Matematica) su 10 a Trieste e solo 1 su 8 a Udine (studi umanistici e del patrimonio culturale).

Disastro nella valutazione ministeriale che il rettore dell'ateneo friulano Alberto Felice De Toni imputa all'accorpamento dei dipartimenti, passati da 14 a otto, evidentemente appiattendo le qualità di quelli precedenti.

«Quello che De Toni dimentica di dire è che la decisione dell'accorpamento – conclude Pittoni - è stata presa dal consiglio di amministrazione dell'ateneo nel 2015, con lui rettore e sulla base di un suo piano strategico».

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Uomo a terra in viale Volontari della Libertà

  • Confonde l'acceleratore col freno e tampona cinque auto

  • Morto folgorato al primo giorno di lavoro, si va al processo

  • Schianto nella notte, muore a 39 anni

  • FOTONOTIZIA Auto ribaltata in tangenziale

  • Distruggono la piscina di Feletto, danni per oltre 50mila euro

Torna su
UdineToday è in caricamento