Rinnovava il guardaroba senza pagare fingendo amicizie importanti

Un 57enne di Latisana, originario della provincia di Venezia, è stato identificato dalla polizia di Cividale dopo aver imbrogliato diversi commessi di negozi della cittadina ducale. Il metodo era studiato a tavolino

Lo scorso mese di dicembre ha millantato amicizie con i titolari di una profumeria e di un negozio di abbigliamento cividalesi, rimediando una confezione di eau de toilette e un paio di pantaloni, con l'impegno di passare a pagarli più avanti. Lo stesso modus operandi è stato usato anche in diverse altre situazioni.

Il momento della chiusura del conto non c'è mai stato, come del resto le amicizie con i proprietari dei negozi.

La responsabile della profumeria  si è così rivolta al commissariato della cittadina ducale, e un 57enne originario di Mirano (Venezia) e residente a Latisana è finito nei guai.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli investigatori della polizia sono riusciti a identificarlo e nei suoi confronti (si tratta di un soggetto già conosciuto dalle forze dell’ordine per reati contro il patrimonio) è scattata una denuncia a piede libero per le ipotesi di truffa e scambio di persona (si era avvalso di un bliglietto da visita di un uomo ignaro del tutto). Infine, la Questura ha emesso nei suoi confronti un provvedimento di allontanamento da Cividale per 3 anni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'Austria non apre all'Italia, Fedriga: "Distrutta qualsiasi regola europea"

  • La Croazia taglia fuori gli italiani: turisti solo da 10 paesi europei

  • È finalmente cassa integrazione, l'Inps dice ok ai pagamenti

  • Spiagge, nuova ordinanza in arrivo: ecco cosa deciderà

  • Finestrini sfondati: "Le forze dell'ordine si occupino di quello per cui le paghiamo, non di multe ai locali"

  • Fa entrare i clienti dal retro nonostante le restrizioni, interviene la Polizia

Torna su
UdineToday è in caricamento