Sequestrato il centro commerciale Italia - Cina a Manzano

Gli agenti della Guardia di Finanza hanno posto i sigilli al capannone che ospita l'attività commerciale. Ipotizzate violazioni alla sicurezza delle persone per il mancato funzionamento degli impianti antincendio

La Guardia di Finanza di Cividale ha posto ieri i sigilli al centro per il commercio all'ingrosso Italia-Cina a Manzano in esecuzione di un'ordinanza di sequestro preventivo emessa dal gip del tribunale di Udine su richiesta della Procura di Udine che ha aperto un'indagine nei confronti del proprietario del capannone, un cittadino friulano.

La Procura ipotizza violazioni alla sicurezza delle persone per il mancato funzionamento di impianti antincendio e difformità nei certificati. Nessuna contestazione per gli affittuari, che oggi non sono potuti entrare nel centro. Per garantire l'ordine pubblico sono intervenuti in ausilio ai finanzieri anche polizia e carabinieri. Presenti anche i vigili del fuoco.

(ANSA)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Travolta da un’acquasantiera, muore a 7 anni

  • Minorenne al volante per un giro con sette amici si schianta e muore a 15 anni

  • Chi era Daniele Burelli: aveva una passione profonda per le auto e i motori

  • Incidente all'alba, muore una mamma mentre accompagna la figlia a scuola

  • "Non fate il suo stesso errore", così la famiglia Burelli ricorda il ragazzo e lancia un appello

  • Incidente mortale in piazzale D'Annunzio, perde la vita una donna

Torna su
UdineToday è in caricamento