Sequestrato il centro commerciale Italia - Cina a Manzano

Gli agenti della Guardia di Finanza hanno posto i sigilli al capannone che ospita l'attività commerciale. Ipotizzate violazioni alla sicurezza delle persone per il mancato funzionamento degli impianti antincendio

La Guardia di Finanza di Cividale ha posto ieri i sigilli al centro per il commercio all'ingrosso Italia-Cina a Manzano in esecuzione di un'ordinanza di sequestro preventivo emessa dal gip del tribunale di Udine su richiesta della Procura di Udine che ha aperto un'indagine nei confronti del proprietario del capannone, un cittadino friulano.

La Procura ipotizza violazioni alla sicurezza delle persone per il mancato funzionamento di impianti antincendio e difformità nei certificati. Nessuna contestazione per gli affittuari, che oggi non sono potuti entrare nel centro. Per garantire l'ordine pubblico sono intervenuti in ausilio ai finanzieri anche polizia e carabinieri. Presenti anche i vigili del fuoco.

(ANSA)

Potrebbe interessarti

  • "20 motivi per cui Udine è davvero la città peggiore d'Italia", l'articolo virale sui social

  • Api, vespe e calabroni: come allontanarli con rimedi naturali

  • Come riconoscere l'allergia al nichel

  • Ristoranti vegani: dove andare in città?

I più letti della settimana

  • Giallo sulla morte di Anamaria, la giovane parrucchiera trovata morta in un bosco

  • Turista posteggia l'auto sul lungomare di Lignano e lascia il cane chiuso dentro

  • Tragica fatalità, agricoltore muore dopo aver acquistato un trattore

  • Incidente stradale, il bilancio è di un morto e tre feriti

  • Sequestrati in provincia di Udine 100 kg di preparato per gelato scaduto

  • La Guardia di Finanza ad Aria di Festa, cucina ferma e centinaia di avventori in protesta

Torna su
UdineToday è in caricamento