Nuova scuola dell'infanzia ad Ipplis di Premariacco

Un'opera dal costo complessivo di 600 mila euro e che ha previsto la demolizione della vecchia ala scolastica che presentava criticità per la sicurezza antisismica. La parte nuova oggi ospita una cucina e la mensa

La nuova scuola dell'infanzia di Ipplis - Premariacco

Inaugurata oggi a Ipplis di Premariacco, alla presenza dell'assessore al Territorio del Friuli Venezia Giulia, Mariagrazia Santoro, la nuova scuola dell'Infanzia in piazza Vittoria, un'opera dal costo complessivo
di 600mila euro di cui 400mila derivanti da contributo regionale ed il resto a carico del Comune.


"L'edilizia scolastica - ha affermato Santoro - è il nostro futuro in quanto ospita i nostri figli che hanno il diritto, come in questo nuovo asilo, di frequentare una scuola confortevole, sicura e bella". L'intervento a Ipplis ha comportato la demolizione della vecchia ala scolastica, la cui struttura presentava criticità per la sicurezza antisismica, e la ricostruzione di un corpo completamente nuovo che ospita aule, servizi ed un corridoio coperto di collegamento alla adiacente palestra. L'opera è complementare ad una precedente ristrutturazione, conclusa nel 2010, con la realizzazione dell'ampliamento dell'ala che oggi ospita la cucina e la mensa, anche questo realizzato con contributi pluriennali regionali per complessivi 1.092.000 euro.

"È l'esempio di come nella pubblica amministrazione vi sia un nuovo modo di pensare l'edilizia, la conservazione e il riuso", ha proseguito l'assessore, ricordando come "l'Amministrazione comunale con coraggio, e solo dopo un'attenta valutazione di costi e benefici, ha deciso cosa conservare e cosa demolire, ponendo al primo posto la sicurezza. Questa decisione - ha evidenziato Santoro - dimostra come l'idea
di conservazione sia cambiata a partire dalla scuola e dagli ingenti fondi messi a disposizione dal Governo e dalla Regione. "Un obiettivo - ha concluso l'assessore - raggiunto anche grazie alla scelta di istituire nel 2013 un servizio Edilizia scolastica regionale che si è rivelato strategico per orientare le scelte sul territorio e per gestire al meglio le risorse disponibili". 

Per il sindaco di Premariacco, Roberto Trentin, "era prioritario dare ai nostri figli una scuola sicura, con spazi idonei ed adeguati che oggi ci consentono di pensare anche ad ampliare i servizi scolastici di accoglienza". Da settembre, infatti, la scuola dell'infanzia, attualmente frequentata da 83 alunni in cinque classi, potrà ospitare anche una sezione primavera per bambini tra i 24 e i 36 mesi di età. La richiesta di attivazione è già stata rivolta alla dirigente scolastica, Maddalena Venzo, presente all'inaugurazione assieme ad Igor Giacomini, provveditore dell'Ufficio scolastico territoriale di Udine.

All'inaugurazione hanno preso parte anche il presidente della Provincia di Udine, Pietro Fontanini, gli architetti dello studio Fornaciari e Toso che hanno curato la progettazione dell'intero plesso e la ditta Palese, realizzatrice dell'opera, oltre agli insegnanti, al personale ausiliario e alle famiglie dei bambini della materna.

1santoroPremariacco27giu17-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

2santoroPremariacco27giu17-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • È finalmente cassa integrazione, l'Inps dice ok ai pagamenti

  • La Croazia taglia fuori gli italiani: turisti solo da 10 paesi europei

  • L'Austria non apre all'Italia, Fedriga: "Distrutta qualsiasi regola europea"

  • Trovato morto nel suo letto a 26 anni, era nativo di Latisana

  • Spiagge, nuova ordinanza in arrivo: ecco cosa deciderà

  • Finestrini sfondati: "Le forze dell'ordine si occupino di quello per cui le paghiamo, non di multe ai locali"

Torna su
UdineToday è in caricamento