Operazione Magnolia, l'ultimo pusher si nascondeva alla ex caserma Piave

In manette un 23enne afgano. L'operazione è stata messa a segno dagli uomini della Questura

Si è chiusa con l’arresto di N. K., 23 anni, di nazionalità afghana, la maxi-operazione antidroga "Magnolia" coordinata dalla Procura della Repubblica e portata avanti dalla Squadra mobile della Questura di Udine. L’arresto è avvenuto nel pomeriggio del 30 aprile all’interno dell’ex caserma Piave dove l’uomo aveva trovato rifugio. Il ventitreenne afghano, considerato uno tra gli spacciatori più attivi tra quelli fermati, è finito quindi in manette. Durante l’operazione era stato sorpreso dal personale della polizia mentre vendeva eroina, cocaina e hashish in via Roma. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lei urina di fronte alla vetrina del ristorante all'ora dell'aperitivo, lui sfonda una porta

  • Via tutti gli ombrelloni dalla spiaggia libera a Lignano

  • Si sveglia per un malore, si accascia e muore, la vittima è un 55enne

  • Grave incidente nella Bassa, motociclista cade e s'incastra sotto il guardrail

  • Risse, gente nuda per strada, alcol e provocazioni: il pomeriggio in viale Leopardi

  • La "lode" non basta: tre maturandi udinesi premiati con una menzione al merito

Torna su
UdineToday è in caricamento