Operazione Magnolia, l'ultimo pusher si nascondeva alla ex caserma Piave

In manette un 23enne afgano. L'operazione è stata messa a segno dagli uomini della Questura

Si è chiusa con l’arresto di N. K., 23 anni, di nazionalità afghana, la maxi-operazione antidroga "Magnolia" coordinata dalla Procura della Repubblica e portata avanti dalla Squadra mobile della Questura di Udine. L’arresto è avvenuto nel pomeriggio del 30 aprile all’interno dell’ex caserma Piave dove l’uomo aveva trovato rifugio. Il ventitreenne afghano, considerato uno tra gli spacciatori più attivi tra quelli fermati, è finito quindi in manette. Durante l’operazione era stato sorpreso dal personale della polizia mentre vendeva eroina, cocaina e hashish in via Roma. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Taylor Mega fa il dito medio alla Polizia, cacciata in diretta da Canale 5

  • Pianista prodigio friulana a 10 anni rappresenterà l'Italia ad Amburgo

  • Decine di chili di pesce e carne scaduti al ristorante e serviti ai clienti

  • Addio al dottor Sacco, per anni un riferimento del reparto di oncologia

  • Nota artigiana udinese scompare da casa: l'appello del fratello

  • A Udine Rc auto più basse del 7%: il record va a una donna che guida una Yaris

Torna su
UdineToday è in caricamento