Artegna, violenta lite al mercato: ambulante accoltellato

Il diverbio è scoppiato per la posizione delle bancarelle: un venditore marocchino ha estratto colpito con un coltello un parente, mandandolo all'ospedale

Il detto 'parenti serpenti' è sempre attuale. Almeno per quello che si è visto ieri al mercato di Artegna, quando due ambulanti, legati da un rapporto di parentela, hanno litigato in maniera vivace per la posizione delle rispettive bancarelle.

Attorno alle 6.30, davanti al municipio, due cittadini marocchini stavano allestendo la propria postazione nella piazza. E' nato un diverbio sulla posizione delle bancarelle, culminato in una violenta lite, a tal punto che uno dei due venditori ha colpito con un coltello il collega-parente a un braccio e a una gamba. Sono intervenuti i sanitari e i Carabinieri che hanno arrestato l'aggressore, Abdelali Rida.

Per lui, secondo quanto riportato dal Messaggero Veneto, l'accusa di tentato omicidio con il caso seguito dal Pm Viviana del Tedesco. Un'ipotesi che, però, potrebbe tramutarsi in quella di 'lesioni gravi' in base al corso delle indagini.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Politica

      Elettrodotto Udine Ovest-Redipuglia: fra 7 mesi la risposta del Tar del Lazio

    • Incidenti stradali

      Scontro tra auto e moto a Santa Caterina, un ferito grave

    • Cronaca

      Sos morbillo in Friuli: “Inutili rischi letali evitabili con la vaccinazione”

    • Cronaca

      A Tarvisio si ricordano i 12 carabinieri trucidati a Malga Bala nel ‘44

    I più letti della settimana

    • Lavoro in nero per 11 persone, chiuso un locale notturno

    • Malore durante una corsa, muore un podista di 44 anni

    • Doppio incidente lungo la A4, code e rallentamenti

    • Nuovo atto intimidatorio per l'imprenditore friulano Carlo Tonutti

    • Incontra un conoscente in bicicletta, anziano accoltellato al collo

    • Incendio nella notte a San Daniele, 10 persone in ospedale

    Torna su
    UdineToday è in caricamento