Distrugge la tomba di un bambino e se ne va in bicicletta

Denunciato il 36enne beccato in piena notte dai Carabinieri di Cervignano che indagano ora sulle motivazioni del gesto

Si accanisce sulla tomba di un bambino distruggendola e imbrattandola.

E' accaduto a Porpetto, intorno alle tre di questa mattina, quando un uomo, S.S., è stato pizzicato dai Carabinieri di Cervignano dopo aver distrutto la tomba di un bambino nato morto, togliendo la croce e le lettere del suo nome distruggendone poi la lapide. L'uomo sarebbe risalito sulla sua bicicletta abbandonando il luogo del misfatto.

Poco più in la però, in ronda, una pattuglia di Carabinieri che ha fermato il 36enne, trovandolo in possesso di guanti e cazzuola, strumenti con cui aveva "oltraggiato" la tomba del piccolo.

Nel camposanto anche offese alla madre del neonato. Non sono ancora chiare le motivazioni del gesto e c'è da capire l'esistenza di un'eventuale parentela con i familiari del bambino. L'uomo è stato denunciato per villipendio delle tombe.

Anche la madre del neonato scomparso nel 1995 ha presentato denuncia contro il responsabile dell’atto vandalico.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Pezzo di m....

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Lignano come non l'avete mai vista, nel nuovo video di Delmoro "Dove siamo finiti"

  • Cronaca

    Un nuovo bistrot - caffè gourmet per gli amanti della buona tavola

  • Cronaca

    Parco Moretti, chiosco preso a sassate per rubare pochi spiccioli

  • Cronaca

    In casa con oltre un etto e mezzo di hashish, arrestato

I più letti della settimana

  • Sigilli al resort di lusso che doveva inaugurare a Lignano a fine mese

  • La serie tv del Mostro di Udine dalla prossima settimana su Sky

  • Rissa fra giovani in piazza Matteotti

  • Ubriaco alla guida: provoca un incidente, scappa, perde la targa e si schianta

  • Camion incastrato nel sottopassaggio di piazzale Cella

  • Sposa un'italiana per il permesso di soggiorno e poi la picchia e la violenta

Torna su
UdineToday è in caricamento