Omicidio Sacher: "Non voglio che mi mettete più le mani nel portafoglio''

La frase è stata pronunciata dalla vittima Mirco Sacher nei confronti delle due adolescenti secondo quella che è la testimonianza della cassiera del supermercato dove il pensionato e le ragazzine hanno comprato del vino domenica mattina

"Non voglio che mi mettete più le mani nel portafoglio''. E' la frase che Mirco Sacher avrebbe detto alle due ragazzine, mentre pagava alcune bottiglie di vino in supermercato domenica mattina. La frase è riportata nell'ordinanza di convalida del fermo, come è stata riferita dalla cassiera sentita come persona informata dei fatti.

Il Giudice si sofferma sul fatto che ''nonostante Sacher Mirco fosse una persona parsimoniosa, negli ultimi tempi aveva prelevato dal proprio conto corrente somme che nell'arco del mese arrivavano a pareggiare o a superare l'importo della sua pensione'', di 1.300 euro mensili. Tali sopravvenute emergenze di indagine operano nel senso di mettere in dubbio prospettata violenza sessuale nei confronti delle indagate da parte dell'uomo o almeno a metterla in dubbio come motivo unico della colluttazione''.

Il magistrato non esclude, ''come possibile ipotesi alternativa o cumulativa, quella che la colluttazione sia insorta in realtà o comunque anche per uno scontro relativo a richieste di denaro delle minori rimaste insoddisfatte''.

Ma il giudice Raddino non ritiene tuttavia che l'ipotesi sia assistita da indizi tali, al momento, da configurare l'omicidio volontario e la rapina impropria

(ANSA)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Taylor Mega fa il dito medio alla Polizia, cacciata in diretta da Canale 5

  • Pianista prodigio friulana a 10 anni rappresenterà l'Italia ad Amburgo

  • Decine di chili di pesce e carne scaduti al ristorante e serviti ai clienti

  • AAA Gestore di rifugio montano cercasi

  • A Udine Rc auto più basse del 7%: il record va a una donna che guida una Yaris

  • Addio al dottor Sacco, per anni un riferimento del reparto di oncologia

Torna su
UdineToday è in caricamento