Alcol di contrabbando a fiumi verso la Gran Bretagna, l'indagine partita da Udine

Evasione di imposte per 80 milioni, 180 milioni di litri di super alcolici contrabbandati, 87 persone coinvolte e 60 denunciate. Le cifre e i dettagli della maxi operazione condotta

Una frode ai danni dell'Unione Europea da 80 milioni di euro, 180 milioni di litri di super alcolici contrabbandati, 87 persone coinvolte, 60 quelle denunciate, 20 i destinatari di misure cautelari (due custodie cautelari in carcere, quattro arresti domiciliari e 14 obblighi di dimora) emesse dal gip friulano Matteo Carlisi, tre anni di indagini, 17 paesi europei coinvolti. Sono i numeri dell'operazione "Sine finibus" - fino al confine - condotta dalla Procura della Repubblica di Udine con il pubblico ministero Viviana Del Tedesco e messa in opera dalle Fiamme Gialle del Nucleo di polizia economico-finanziaria, comandate dal tenente colonnello Davide Cardia. Vista la complessità del caso hanno collaborato anche l’Ufficio delle dogane di Cuneo, la Direzione centrale accertamento e controlli, l'Ufficio Investigazioni dell’Agenzia delle dogane e dei monopoli e i funzionari dell’Hm Revenue and customs, la Dogana britannica. Tutto si muoveva sull’asse Regno Unito-Italia e al vertice ci sarebbero un britannico di 63 anni, che tutti chiamavano “John”, e un brindisino di 46 anni - Danilo Legrottaglie - al momento ricercato: è destinatario di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere. Per lui, residente Oltremanica, è stato emesso un mandato di arresto europeo. 

Il video dell'operazione

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Impresa edile ha lavori fino ad aprile 2020 ma non trova operai: «Rischiamo di chiudere tutto»

  • Confonde l'acceleratore col freno e tampona cinque auto

  • Morto folgorato al primo giorno di lavoro, si va al processo

  • FOTONOTIZIA Auto ribaltata in tangenziale

  • Schianto nella notte, muore a 39 anni

  • Distruggono la piscina di Feletto, danni per oltre 50mila euro

Torna su
UdineToday è in caricamento