Confcommercio Udine: «Imbarazzante l’accordo di Promoturismo Fvg con l’Outlet di Aiello»

Dura posizione del presidente Giovanni Da Pozzo in merito all'intesa tra Promoturismo Fvg e Palmanova Outlet Village sulla promozione della FvgCard. Dall'Outlet fanno sapere che «è tutto fatto a titolo gratuito»

Giovanni Da Pozzo, presidente di Confcommercio provinciale di Udine, manifesta stupore di fronte alla comunicazione di un accordo tra Promoturismo Fvg e il Palmanova outlet village in merito alla promozione, da parte del privato, della FvgCard. Stupore, spiega Da Pozzo, «perché l’utilizzo di risorse pubbliche, che dovrebbero al contrario servire per la promozione generale del territorio, si incrocia in maniera imbarazzante con le politiche commerciali di un’azienda che, con sede legale a Milano dal 2015, nemmeno compartecipa alla fiscalità regionale, né direttamente né indirettamente attraverso le contribuzioni della forza lavoro».

Desta «amarezza», prosegue Da Pozzo, «il fatto che Promoturismo Fvg abbia individuato come partner una realtà della grande distribuzione che in questi anni ha profondamente inciso sulla rarefazione delle piccole aziende commerciali nei paesi e nei centri storici di una consistente parte della regione».  

Il presidente di Confcommercio giudica dunque «sbagliata» l’iniziativa nell’approccio turistico-promozionale, ne sottolinea la contraddittorietà rispetto «alle reiterate dichiarazioni della politica a supporto del valore economico-sociale del terziario» e rileva «la disparità di trattamento nei confronti di altre strutture che pagano le imposte sul territorio, dipendenti compresi». «Quando si intersecano le legittime dinamiche economiche commerciali di una azienda privata con attività di matrice pubblica di promozione di strategie territoriali come quelle turistiche – conclude Da Pozzo –, si dimentica la visione generale di cui la politica si dovrebbe fare interprete per assecondare invece le solite logiche delle grandi lobby economiche. Confidiamo in una correzione di queste distorsioni da parte della aziende economiche regionali onde evitare anche il dubbio che vi sia una particolare attenzione verso le grandi aree commerciali».

L'OUTLET. Dai vertici dell’Outlet precisano che «non c’è nessuna corresponsione di denaro, ma è tutto a titolo gratuito. Il metodo è lo stesso che seguiamo anche negli altri territori dove siamo presenti. Ci teniamo a fare network con le realtà locali, e lo facciamo in maniera assolutamente gratuita, cercando di agevolare i rapporti e le sinergie con tutti quelli che desiderano promuovere le zone dove operiamo».
 

Potrebbe interessarti

  • Contributi per la casa, ecco le nuove regole

  • Le piscine a Udine e dintorni: dove andare per rinfrescarsi in acqua

  • Come riconoscere l'allergia al nichel

  • Malga Montasio: tutto quello che c'è da sapere

I più letti della settimana

  • Scossa di terremoto in Friuli

  • Scossa di terremoto in Carnia, la terra trema ancora una volta

  • Rubano 3mila euro di birra e cibo alla sagra e si bevono quasi tutto, denunciati

  • Incidente stradale, il bilancio è di un morto e tre feriti

  • Contributi per la casa, ecco le nuove regole

  • Nuova forte scossa di terremoto nella notte in Carnia

Torna su
UdineToday è in caricamento