Cinema all'aperto, eliminate le proiezioni nei quartieri

Opposizione all'attacco: "Rimane solo quello in piazza I° Maggio, disturbato dal passaggio del traffico pesante"

Niente cinema all'aperto nei vari quartieri cittadini. A dare l'allarme i consiglieri di opposizione del Pd che in un'interpellanza presentata questa mattina in Comune chiedono al sindaco e alla sua giunta spiegazioni in merito.

Nessuna proiezione nei quartieri 

Nel documento, infatti, i consiglieri di minoranza fanno notare come quest’anno non avranno luogo le proiezioni delle pellicole nelle zone verdi di San Osvaldo, Paparotti, Baldasseria, Chiavris e anche nel Quartiere Aurora (viale Divisioni Garibaldi Osoppo), il quale, a parole, ma solo a parole, sarebbe tanto caro all’assessoro Perissutti.

In cerca di risposte

"L'assessorato al Decentramento  - commenta la consigliera del Pd Cinzia Del Torre - che da decenni organizzava proiezioni gratuite di film, sempre molto apprezzate e frequentate da centinaia di persone, quest’anno ha semplicemente deciso di non farlo più. Già durante la seduta del consiglio comunale dell’8 aprile 2019, i consiglieri del quartiere San Paolo/San Osvaldo, avevano chiesto all’assessore Perissutti informazioni in merito ricevendo una risposta negativa, senza chiarirne le motivazioni".

L'offerta unica

Per i cittadini che approffitano del periodo estivo per guardare i film sotto le stelle, resta solo la quotidiana programmazione organizzata dal Visionario, ovviamente a pagamento, nel Giardino Loris Fortuna

La questione traffico

"Gli spettatori però  - prosegue la consigliera - saranno costantemente disturbati, durante ogni singolo film, dal rumore dovuto al passaggio di dieci autobus della linea 1 che circola oltre le 23,30. Infatti il cantiere di via Mercatovecchio, programmato da tempo, provoca lo spostamento del percorso dei mezzi pesanti in piazza 1° maggio, proprio nel tratto adiacente al giardino. Per tutte queste ragioni insieme ai colleghi Venanzi, Giacomello e Paviotti, abbiamo presentato una interpellanza al sindaco e alla giunta per capire se si siano mai posti il problema del disturbo provocato dal traffico e perché non abbiano proposto al Visionario di spostare le proiezioni in un luogo diverso e più silenzioso, ma soprattutto, come mai abbiano deciso di spogliare tutti i Quartieri di Udine dall’attività del Cinema all’Aperto". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Taylor Mega fa il dito medio alla Polizia, cacciata in diretta da Canale 5

  • Nota artigiana udinese scompare da casa: l'appello del fratello

  • Decine di chili di pesce e carne scaduti al ristorante e serviti ai clienti

  • Martignacco, sequestrati 100 chili di pesce al ristorante

  • Addio al dottor Sacco, per anni un riferimento del reparto di oncologia

  • Due fotografi friulani tra i migliori al mondo nell'immortalare i matrimoni

Torna su
UdineToday è in caricamento