Pregiudicati e chiasso la notte, chiuso un minimarket. Il titolare: «Non è colpa dell'alcol»

Un esercizio di viale Europa Unita si è visto notificare nella giornata di ieri una sospensione dell'attività della durata di sette giorni

Sette giorni di chiusura obbligata. Sono gli estremi del provvedimento notificato nella giornata di ieri dagli agenti della Questura di Udine nei confronti di un esercente della zona della stazione ferroviaria. Il negoziante, straniero, vende al dettaglio prodotti alimentari. Pochi giorni fa, in occasione dell'ordinanza annunciata dal sindaco Fontanini, lo avevamo intervistato. Consapevole delle proteste dei vicini aveva commentato: «Se non lo vendo io l'alcol lo vendono gli altri. Cosa cambia? Qualcuno lo deve vendere. Non è colpa dell'alcol se si verificano situazioni critiche, la causa è delle persone».

La decisione del sindaco: «Non è coprifuoco»

Le ragioni

Il provvedimento è stato emesso applicando le disposizioni urgenti in materia di sicurezza delle città, che consentono al questore di sospendere la licenza a un esercizio nel quale siano avvenuti tumulti o gravi disordini, o che sia abituale ritrovo di persone pregiudicate o pericolose. L’esercizio in questione, posizionato in viale Europa Unita, era stato oggetto di segnalazioni da parte di alcuni residenti per problematiche legate al disturbo del riposo e della quiete delle persone, a causa del radunarsi di numerosi clienti sul marciapiede vicino al locale, spesso protagonisti di comportamenti poco educati.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I controlli

In sei controlli effettuati dal personale della Questura nell’ultimo mese, nell’ambito dei servizi ordinari e non di controllo del territorio, si è rilevata una costante frequentazione da parte di cittadini extracomunitari gravati da segnalazioni di polizia e precedenti penali. La sospensione segue quelle notificate ai titolari di altri cinque pubblici esercizi in poco più di un mese. I controlli — fanno sapere da viale Venezia — proseguiranno anche nelle prossime settimane.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Frico, polenta e salame con l'aceto: "Camionisti in trattoria" è passato in Friuli

  • È mancato Cristian De Marco, il fondatore del Piccolo Coro del Fvg

  • Coronavirus, i positivi salgono di più del doppio rispetto a ieri

  • Cenetta tra amici in appartamento, la vicina chiama la Polizia

  • Affetto da Coronavirus, si presenta in farmacia senza mascherina violando la quarantena

  • Mascherine 3D riutilizzabili: l'invenzione di due aziende udinesi

Torna su
UdineToday è in caricamento