Carabinieri e poliziotti nel mirino degli insulti e delle minacce

In un paio di giorni due diversi episodi di cronaca sono da segnalare alla voce "nervi tesi". Protoagonisti, loro malgrado, esponenti delle forze dell'ordine che stavano solo facendo il loro dovere

Tutto nel giro di un paio di giorni. Il primo episodio a Majano, protagonista una 21enne residente a Udine, ma domiciliata nella cittadina collinare.La ragazza, sottoposta all'obbligo di presentazione quotidiana alla Polizia giudiziaria, si è recata normalmente in caserma per adempiere ai suoi doveri, ma nel momento in cui i rappresentanti delle forze dell'ordine le hanno comunicato delle notifiche si sono visti insultare e minacciare ripetutamente.

L'altro episodio in città, in via Brigata Re, dove un operaio tunisino di 30 anni, a causa di un malore, è stato soccorso dal personale del 118. Alla vista dei sanitari ha dato in escandescenza, costringendoli all'allontanamento. Sono sopraggiunte quindi due pattuglie, una della Polizia di Stato e l'altra dei Carabinieri, che si sono prese una buona dose di insulti e minacce. Il soggetto è stato deferito per minaccia e oltraggio a Pubblico ufficiale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scuole chiuse, niente eventi sportivi, musei e messe per una settimana: Friuli pronto a fermarsi completamente

  • Clima impazzito: un temporale di neve imbianca il Friuli

  • Coronavirus, altri 10 casi sospetti in Fvg. L'appello della Regione, se temete il contagio chiamate il 112

  • Pagati per stare a letto 60 giorni a pochi chilometri dal Friuli, si cercano volontari

  • Coronavirus, tutto quello che chiude fino al primo marzo

  • Camminano per strada rientrando in albergo e gli arriva un secchio di urina in testa

Torna su
UdineToday è in caricamento