Barraonda chiude una stagione velica super

Il segreto è l'artigianato e la nautica sportiva, un connubio che porta al successo

Cinque trofei, quattro primi posti assoluti e 7° posto alla Barcolana. Questa, in sintesi, la straordinaria stagione di Barraonda/Confartigianato Imprese Fvg, lo scafo che da tre annate lega le proprie importanti performance al sapere e alla tecnica artigiana del Friuli Venezia Giulia.
Nel Golfo di Trieste, dunque, si è conclusa con il botto la stagione 2019 del Barraonda sailing team che, sotto il guidone della storica società velica Svoc di Monfalcone, ha issato le bandiere di Gorizia e Nova Gorica, divenendo così barca transfrontaliera.
In pochi anni, in virtù del connubio che si è creato tra le capacità sportive del team Barraonda e la professionalità degli artigiani del settore nautico regionale, l’imbarcazione è diventata una delle più seguite e ammirate nel panorama velico dell’Alto Adriatico e il seguito a Gorizia è in costante aumento.
Il presidente di Confartigianato Imprese Fvg, Graziano Tilatti, ha dato l’avvio a questo sodalizio raccogliendo lo stimolo arrivato dal territorio goriziano, dal presidente provinciale di Confartigianato Ariano Medeot, ad intraprendere un progetto velico di risonanza. «Le conoscenze e la capacità innovativa degli artigiani del settore nautico e velico della regione si sono ulteriormente confermate con questo progetto, che ha come protagonista una barca dimostratasi in grado di competere a livello internazionale», afferma il presidente Tilatti, evidenziando così anche le motivazioni che hanno fatto accettare la sfida tre anni fa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I successi

Iniziata la stagione con le prime regate primaverili, la partecipazione alla “Fiumanka” a Fiume, la più grande regata del Quarnaro, conclusasi al 4° posto assoluto, è poi proseguita con il 2° posto overall nella Muggia-Portorose-Muggia, e Barraonda si è confermata sempre ai primi posti nelle regate cui ha partecipato.
Il 40 piedi in carbonio e chiglia basculante progettata da German Frers, nome top già vincitore di varie Coppa America, alla ripresa della stagione ha ottenuto un crescendo di risultati portando a casa il Trofeo Città di Trieste e vincendo in assoluto anche la “la Due Castelli”, nonchè un lodevole 12° assoluto finale nella ventosa Coppa Bernetti.
Ma è alla regata top della stagione, la Barcolana, che il magistrale equipaggio ha dato il meglio di sè  e con una strategica conduzione di regata ha colto un meritato e meraviglioso 7° posto assoluto mettendo la propria prua avanti  a ben più blasonati  (e sponsorizzai) team con imbarcazioni di  misura nettamente superiore, dimostrando di meritare ampiamente un posto al sole nel panorama velico zonale.
«Sono contentissimo di com’è andata questa stagione – afferma Lucio Provvidenti, anima e motore della squadra – e ringrazio, tra gli sponsor, proprio Confartigianato Fvg che ha creduto da subito in noi, dando stimolo poi al fantastico equipaggio per portare in alto Barraonda. Questo successo – prosegue – dimostra ancora una volta che il lavoro, insieme al sempre necessario contributo finanziario, paga. La città di Gorizia ci sta seguendo con particolare affetto – conclude – come dimostrano i riscontri diretti e il tifo che ci supporta attraverso i social network».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • È finalmente cassa integrazione, l'Inps dice ok ai pagamenti

  • La Croazia taglia fuori gli italiani: turisti solo da 10 paesi europei

  • L'Austria non apre all'Italia, Fedriga: "Distrutta qualsiasi regola europea"

  • Spiagge, nuova ordinanza in arrivo: ecco cosa deciderà

  • Finestrini sfondati: "Le forze dell'ordine si occupino di quello per cui le paghiamo, non di multe ai locali"

  • Trovato morto nel suo letto a 26 anni, era nativo di Latisana

Torna su
UdineToday è in caricamento