L'autista non prolunga la fermata del bus: inseguito e picchiato da tre persone

Vicenda dai tratti desolanti quella che ha visto come protagonisti tre uomini, autori di un pestaggio ai danni di un dipendente della Saf all'altezza di Godia

Non aveva prolungato l’attesa della fermata, e per questo è stato inseguito e picchiato da tre persone. Vittima della vicenda l’autista di un autobus cittadino, all’altezza di Godia. Il malcapitato è stato costretto a ricorrere alle cure dell’ospedale Santa Maria della Misericordia. Appena iniziato il suo giro - come racconta il Messaggero Veneto - aveva dovuto ripartire dopo una fermata già “allungata” per favorire un passeggero - residente a Udine - che chiedeva si aspettasse l’arrivo della madre. A un certo punto il dipendente della Saf è dovuto partire, e la cosa non è andata a genio all’uomo, che è sceso e - con l’aiuto di due complici - ha inseguito il bus fino alla frazione a nord della città. Qui, una volta bloccatosi il mezzo, ha aperto la porta a mazzate e ha dato il via al pestaggio, sotto gli sguardi attoniti degli altri passeggeri. Subito sul posto le volanti della Polizia, che hanno arrestato i tre. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Udine usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • È finalmente cassa integrazione, l'Inps dice ok ai pagamenti

  • La Croazia taglia fuori gli italiani: turisti solo da 10 paesi europei

  • L'Austria non apre all'Italia, Fedriga: "Distrutta qualsiasi regola europea"

  • Trovato morto nel suo letto a 26 anni, era nativo di Latisana

  • Spiagge, nuova ordinanza in arrivo: ecco cosa deciderà

  • Finestrini sfondati: "Le forze dell'ordine si occupino di quello per cui le paghiamo, non di multe ai locali"

Torna su
UdineToday è in caricamento