Gli studenti ridisegnano l'attico di Udine confiscato alla mafia

Una convenzione tra il Comune di Udine e l'istituto Marinoni prevede che siano gli studenti a pensare una nuova destinazione d'uso, a scopo sociale, per l'immobile

Da una parte un bene confiscato alla mafia, dall'altra un gruppo di studenti. Nel mezzo l'idea di pensare a un uso sociale di un immobile dal passato illegale.

Il progetto

Nel 2008 è stato confiscato un attico nel palazzo Moretti di Piazzale Osoppo. Attualmente messo in affitto, l'appartamento vedrà una nuova vita grazie al progetto che vede protagonisti gli studenti del Marinoni. A loro, infatti, il compito di riprogettarlo per farne un luogo con destinazione sociale dopo la convenzione stipulata tra il Comune di Udine e l'istituto. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Minorenne al volante per un giro con sette amici si schianta e muore a 15 anni

  • Chi era Daniele Burelli: aveva una passione profonda per le auto e i motori

  • Piano cottura a induzione: come funziona e quali sono i vantaggi?

  • Incidente all'alba, muore una mamma mentre accompagna la figlia a scuola

  • Taylor Mega ubriaca in diretta tv: "sono friulana, l'alcol dovrei reggerlo"

  • "Non fate il suo stesso errore", così la famiglia Burelli ricorda il ragazzo e lancia un appello

Torna su
UdineToday è in caricamento