L'associazione Aurora Est chiede le dimissioni dell'assessore allo sport Pizzocaro

Dopo il botta e risposta dei giorni scorsi, i membri dell'associazione puntano il dito contro l'amministrazione

Non finisce la diatriba tra l’Union Rugby Udine e l’associazione Aurora Est. I membri di quest’ultima hanno inviato una comunicazione a seguito degli ultimi risolvti.

Il comunicato

“Prima di tutto ci teniamo a precisare che l’associazione Aurora Udine est avendo finalità ludico/sportive è per tutti gli sport, la nostra non è una battaglia contro lo sport del rugby, anzi nel nostro quartiere c’è posto anche per tanti altri sport, e maggiore offerta riusciamo a dare ai giovani e ai cittadini della zona e meglio è per tutti”. “La nostra battaglia è di giustizia e trasparenza, perché chi riceve e gestisce dei fondi pubblici, cioè tasse di tutti i cittadini, dovrebbe gestirli in maniera corretta e rispettare quanto prevede il contratto di concessione”.

L'attacco

Da qui l’attacco a chi si occupa degli impianti. “Siamo stufi di chi mal gestisce l’impianto sportivo del nostro quartiere, in passato abbiamo vissuto questioni simili con la precedente società di calcio, e adesso l’attuale gestione rugby sta facendo di gran lunga peggio. Ribadiamo e sottolineiamo che l’associazione Union Rugby ha già percepito più di 200 mila euro e secondo cronoprogramma dovevano terminare i lavori a fine giugno 2018. Addirittura adesso dalle dichiarazioni alla stampa scopriamo ulteriori 2 mesi ai già 6 mesi di proroga, una vergogna che disonora uno sport ricco di valori come il rugby, facciamo appello anche ai genitori dei giovani rugbisti di pretendere trasparenza e chiarezza. Sono stati capaci solo di fare un campo di rugby in fretta e furia tra novembre e dicembre, e fatto anche male".

L'accusa

"Pizzocaro e Silvestri mentono, le nostre richieste di concessione del campo per iscrivere la squadra alla FIGC risalgono ad inizio luglio 2018, e abbiamo le mail come prova, l’Union Rugby ha fatto di tutto per non concederci il campo, prima pretendendo 30000 euro all’anno , poi dando risposte vaghe che non davano garanzie alla FIGC. Inoltre il nuovo campo C4 di calcio non è stato ancora ultimato e stando alle dichiarazioni ci sembra di aver capito che sarà il comune a finirlo, quando il rugby ha già percepito dei soldi per realizzarlo, oltre al fatto che da contratto finita la concessione il rugby dovrebbe ripristinare anche il manto erboso del campo principale, che vanta un danno di almeno 30000 euro a causa delle mancate manutenzioni negli anni".

I cittadini

"Quindi i cittadini dovranno rimetterci ulteriori 60000 mila euro quando hanno già finanziato tali lavori. Adesso non sappiamo se riusciremo a ritrovare le energie e le forze per riprovare a ricreare una settore giovanile di calcio nel quartiere, ma sicuramente continueremo a prenderci cura dell’area verde e a far divertire i nostri bambini e ragazzi, in ogni caso qualsiasi soluzione si troverà per la prossima stagione noi continueremo a vigilare e siamo disposti a collaborare se l’impianto sarà gestito da persone serie. Tutto ciò che affermiamo è dimostrabile dalle carte, nell’interrogazione presentata ci sono tutti i riferimenti agli atti di quanto affermato".

Il dito puntato contro l'assessore

"Pizzocaro ha disatteso gli impegni presi, è inutile che adesso scarichi la colpa agli errori del passato quando lui in questi mesi ha permesso alla dirigenza del rugby di prendere in giro la cittadinanza senza rispettare il contratto di concessione. Infine c’è da aggiungere che situazioni di mala gestione dei fondi pubblici nello sport riguardano anche altre società e associazioni sportive dal calcio, al nuoto, alla ginnastica ecc. della città: un vero “sportgate” cittadino".

L'appello

"Per questo facciamo appello a tutti i cittadini udinesi che vogliono condividere le loro esperienze negative ed unire le forze per pretendere chiarezza e trasparenza nello sport, si parla di milioni di euro negli anni passati, presenti e futuri".

La richiesta di dimissioni

"Infine riteniamo che Pizzocaro si sia dimostrato inadatto a svolgere il ruolo di assessore allo sport, ha disatteso gli impegni presi e non è stato capace di riportare la corretta gestione e trasparenza nel nostro quartiere, figuriamoci se sarà in grado di farlo in tutta la città, per questo siamo pronti a fare una raccolta firme per scrivere al sindaco e chiederne le dimissioni. Nello sport cittadino occorre una figura giovane e capace di ripristinare la legalità e la buona gestione degli impianti sportivi e dei fondi comunali, possibile che la maggioranza non abbia nulla di meglio da offrire alla città. Ricordiamo al Sindaco Fontanini che se ha vinto di poco al ballottaggio è stato grazie soprattuto ai numerosi voti di fiducia presi nel quartiere Aurora, il più popoloso della città. Oltre a Pizzocaro, un altro che dovrebbe dimettersi è Filippo Toscano, dirigente allo sport che in questi due anni nonostante le numerose segnalazioni e la conoscenza della mal gestione dell’impianto sportivo non ha fatto nulla. Adesso lanceremo una raccolta firme e una petizione online per richiedere al sindaco formalmente le dimissioni, facciamo appello a chi nella maggioranza ha voglia di cambiamento e serietà, alle opposizioni, alle associazioni e ai cittadini di aiutarci in questa importante battaglia".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Accoltellamento in via Scrosoppi, ferita una ragazza dopo una lite

  • Quando si possono accendere i termosifoni: tutte le date città per città

  • Schianto mortale nella Bassa, perde la vita un 26enne

  • Via Roma, si attacca alla fondina di un poliziotto e cerca di prendergli la pistola

  • Le migliori pasticcerie di Udine secondo TripAdvisor

  • Ristoranti con il migliore servizio di sala d'Italia? In provincia di Udine ce ne sono ben tre

Torna su
UdineToday è in caricamento