Centenario Grande Guerra: il dovere della memoria, premiazioni e presentazione libri

Molti studenti questa mattina hanno affollato il Salone del Consiglio di Palazzo Belgrado per le premiazioni del concorso “24 maggio 1915: l’Italia entra in guerra”

alcuni degli studenti premiati

Siamo qui per rispondere alla chiamata del dovere della Memoria, che deve essere trasmesso in maniera fruibile ai nostri giovani. Loro, infatti, devono conoscere il sacrificio patito dai nostri avi. Potevamo ridurre questo evento a un solo appuntamento formale, ma non era questo il nostro scopo. Vogliamo, inoltre, che sia una Memoria senza confini e per questo con alcune delegazioni straniere venerdì mattina renderemo omaggio ai Caduti nei sacrari e nei cimiteri della Regione e a Caporetto”. Questo il saluto che il presidente del Comitato organizzatore del Quarto Raduno Assoarma, Alberto Ficuciello, ha portato questa mattina agli studenti delle scuole che hanno affollato il Salone del Consiglio di Palazzo Belgrado, sede della Provincia di Udine. Studenti che hanno partecipato al concorso “24 maggio 1915: l’Italia entra in guerra”. (In basso l' elenco completo studenti premiati, compresi i ragazzi del Liceo Artistico Statale Giovanni Sello, che hanno studiato e realizzato il motto e il manifesto del Raduno).

I ragazzi, accompagnati dagli insegnanti e alla presenza dei dirigenti scolastici Anna Maria Zilli (Stringher) e Rossella Rizzatto (Sello) hanno assistito alla presentazione del libro “La Grande Guerra Italiana – Le Battaglie” di Giacomo Bollini, Paolo Gaspari, Marco Pascoli, Nicola Persegati, Paolo Pozzato. “Delle battaglie - ha spiegato Marco Pascoli - si è sempre parlato poco, a differenza di altri aspetti della Grande Guerra. Il nostro fine è la riscoperta della storia come educazione per la pace in tutta Europa. Il libro, scritto a più mani, ha l’ambizione di soccorrere nel senso della conoscenza delle battaglie, che sono la parte dinamica della guerra stessa. Questo compendio è stato realizzato sulla scorta di documenti archivistici per lo più, che hanno permesso la completezza dell’opera”. Si tratta del primo libro nell’editoria nazionale che racconta al grande pubblico le battaglie sul fronte italiano. Una messe di mappe, schizzi, assonometrie a colori, foto, biografie aneddoti permettono al lettore d’impossessarsi della storia militare della guerra, ghettizzata dalla storiografia accademica e ignorata da quella divulgativa. Le battaglie sul Carso nel 1915; l’offensiva del Trentino; la battaglia di Gorizia; le “spallate”; la battaglia sul Kuk-Vodice; l’Ortigara; la Bainsizza; Caporetto; le battaglie della Ritirata; l’arresto sul Piave-Grappa; la battaglia del Solstizio; Vittorio Veneto: dagli archivi storici nazionali ed esteri, dai saggi per addetti ed esperti, e da memoriali e raccolte private la storia giunge finalmente a disposizione dei cittadini e soprattutto di docenti e studenti che possono comprendere e approfondire i temi della Grande Guerra.

Alla presentazione di questo libro, e della ricerca “Eppur si mangia … Alimentazione, conservazione e cottura del cibo, distribuzione del rancio nella Prima Guerra Mondiale”, realizzata dagli studenti dell’Istituto Statale I.S. Bonaldo Stringher, hanno partecipato anche il prefetto di Udine Provvidenza Delfina Raimondo e il comandante provinciale dei carabinieri di Udine colonnello Roberto Del Piano. In occasione dei cento anni dallo scoppio della Prima Guerra Mondiale, l’Istituto Statale I.S. Stringher attraverso il Laboratorio di Storia ha approntato un progetto dal titolo: “Eppur si mangia … Alimentazione, conservazione e cottura del cibo, distribuzione del “rancio” nella Prima Guerra Mondiale”. La pubblicazione racconta dell’alimentazione e del rancio delle truppe italiane e straniere durante la Grande Guerra. Perfetto “padrone di casa” è stato il presidente della Provincia, Pietro Fontanini, che ha salutato tutti i ragazzi, i rappresentanti delle associazioni d’arma, le autorità e gli ospiti con queste parole: “Ospito con molto piacere questa cerimonia qui, in questo palazzo, oggi invaso da ragazzi e bambini e da tante autorità. Un coinvolgimento importante quello dei giovanissimi perché ritengo indispensabile che comprendano cosa sono i conflitti e, in particolare, il Primo conflitto mondiale che per il Friuli è stato una terribile pagina di storia. L’elenco dei morti friulani scolpiti sui tanti monumenti ai caduti disseminati sul nostro territorio è, infatti, lunghissimo - ha detto Fontanini -. Tante sono state le sofferenze per la nostra terra sconvolta dal conflitto ben prima dell’entrata in guerra dell’Italia il 24 maggio del 1915. Queste commemorazioni sono valide occasioni per riflettere, meditare”.

Classifica premiazioni

Premio Speciale della Giuria (lavoro che costituisce la sintesi dei contributi presentati)

"Ti racconto la pace - Parole di speranza in un secolo di storie"
Iris Bhatia classe III B Classico Liceo Antonio Rosmini di Rovereto (TN)

Premi alle scuole
(Pullman Udine-Redipuglia-Caporetto-Udine)
Scuola primaria del Bearzi di Udine
(per l'elevato numero di elaborati sulle tematiche del progetto e del concorso)
Scuola sec. di I grado di Fagagna
(per l'elevato numero di elaborati sulle tematiche del progetto e del concorso)
Istituto "G.G. Marinoni" di Udine
(per l'elevato numero di elaborati sulle tematiche del progetto e del concorso)

Premi alle classi o ai singoli: Scuola Primaria
(buoni libro e/o sussidi didattici)
I Premio Filmato “Riflessioni sulla Guerra e sulla pace”
Quinta A (ref. maestra Mara Cimaponti) Scuola primaria Bearzi - Udine
2 Premio Disegno
Anna Dolso, 1°A Scuola primaria Collegio della Provvidenza(UD)
3 premio Tema
Irene Di Gaspero, “Guerra e pace” 5° A Scuola primaria Bearzi - Udine

Premi alle classi o ai singoli: Scuola sec. di I grado
(buoni libro e/o sussidi didattici)
I Premio Ricerca “La grande guerra nel piccolo baule di casa mia”
1° e 3° B, Scuola Media di Fagagna (ref. prof.ssa Lorella Gosparini)
2 Premio Manifesto
Davide Battoia e Gioele Clemente 3° B, Scuola Media di Reana del Rojale
3 premio ex-aequo “Lettere dal fronte”
Rosa Brusin 3° A Scuola Media di Fagagna
Gaia Cavallo 3° A Scuola Media di Fagagna

Premi alle classi o ai singoli: Scuola sec. di II grado
(buoni libro e/o sussidi didattici)
1 Premio "Umanità dentro la guerra"
Andrea Ferraresi Istituto "E. Fermi" di Mantova
2 Premio "Umanità nella prima guerra mondiale"
Michela Monai 4°F, Istituto "B. Stringher" di Udine
3 Premio ex-aequo
Alessandro Mauro, 1°B, Istituto "G.G. Marinoni” di Udine
Federico Curridor, 5° A-TT Istituto "B. Stringher" di Udine

ENCOMI
Encomio del CIRF (Centro Interdipartimentale di Ricerca sulla Cultura e la Lingua del Friuli) dell’Università di Udine d’intesa con ASSOARMA (libri)
(l’encomio verrà formalizzato il 21 maggio in occasione del Convegno in programma)
3^A e 3^B Scuola Secondaria di I grado "Pascoli" di Polcenigo (PN) referente: prof. A. Bonaciti.
(elaborato coerente con il “Progetto Umanità dentro la guerra e con le finalità statutarie del CIRF che promuove la conservazione del patrimonio socio-culturale del Friuli)

SEGNALAZIONI
Video Istituto Comprensivo di Fagagna (partecipazione a … “èStoria”)
Video Presentazione multimediale “I piatti degli Imperi” per l’Expo 2015 Istituto Stringher
Libro ” Il mio Isonzo” del Club Unesco di Gorizia

Classifica premiazioni Istituto Sello

PRIMO CLASSIFICATO
Giacomo Vosca, Gianluca Turco, Francesco Pegoraro della 4° A - prof. Annamaria Zuliani. Per la qualità dell’impaginazione grafica, per la rilevanza comunicativa, per l’immediatezza del messaggio, per il forte richiamo ai valori nazionali, per l’aderenza a quanto richiesto dal bando di gara.

SECONDO CLASSIFICATO (ex aequo)
Alice Uccato 5° A - prof. Annamaria Zuliani
Emma Toffolo 5° I - prof. Adriano Lecce. Per il contenuto innovativo, per la ricerca grafica, per la capacità dell’uso del mezzo grafico, per l’aderenza a quanto richiesto dal bando di gara.

TERZO CLASSIFICATO
Anna Moschioni 5° I - prof. Adriano Lecce. Per l’immediatezza del messaggio emotivo, per l’originalità dell’associazione tra slogan e immagine, per l’aderenza a quanto richiesto dal bando di gara.

MENZIONI SPECIALI
Iside Doronzo 5° A - prof. Annamaria Zuliani
Elisa Roman 5° A - prof. Annamaria Zuliani
Alberto Masutti 4° A - prof. Annamaria Zuliani
Per l’originalità della scelta del motto

E MENZIONI SPECIALI
Enrico Covazzi 5° I - prof. Andriano Lecce
Chiara Bearzi 5° B - prof. Sonia Giavaresco e Fides de Monte
Edoardo Pizzecco 5° I - prof. Adriano Lecce

premiazioni 3-2

premaizioni 4-2

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Scontro fra due mezzi sulla Pontebbana: morto un uomo

  • Politica

    Il Fvg dichiara guerra alle slot: nuova legge per contrastare il gioco d'azzardo

  • Politica

    «Ma che cifre sono? Per il "Carnera" si sono spesi molti più soldi»

  • Cronaca

    Allerta meteo, ancora temporali in arrivo in Friuli

I più letti della settimana

  • Va a farsi le unghie con l'amica, picchiate a sangue dopo aver chiesto la fattura

  • Rissa al matrimonio, prima si picchiano poi lei lo taglia con un bicchiere rotto

  • Colpita alla nuca da un sampietrino a Lignano

  • A4-A23: Auto esplosa vicino al bivio di Palmanova

  • Maltempo in Friuli: pioggia, grandine e vento

  • Malore fatale in acqua, friulana muore a Grado

Torna su
UdineToday è in caricamento