Artigiani friulani in Texas per promuovere il Made in Friuli

Sono tre gli imprenditori friulani protagonisti di "Extraordinary Italina Taste", per il debutto del progetto "Artigianato del Friuli nel mondo". 

Daniele Balloch (Ermes Funghi), Veronica Defilippis (Cucina di Carnia), Elena Buttazzoni (Blifase) e Gaetano Fabris (presidente Fogolars South West Usa)

Sono tre gli imprenditori friulani protagonisti di "Extraordinary Italina Taste", per il debutto del progetto "Artigianato del Friuli nel mondo". 

Il progetto

Promuovere le produzioni artigianali friulane all’estero appoggiandosi alla rete dei Fogolars furlans. È l’obiettivo del progetto di outgoing “Artigianato del Friuli nel mondo”, realizzato dall’Ente Friuli nel Mondo in collaborazione con Confartigianato-Imprese Udine, che ha mosso i suoi primi passi nei giorni scorsi.

Gli artigiani

Protagonisti tre imprenditori impegnati nei settori del design, dell’agroalimentare e dell’omaggistica di prestigio - Blifase (Corno di Rosazzo), Cucina di Carnia (Villa Santina) ed Ermes Funghi (Buttrio) - che sono volati in Texas, a Fort Worth per partecipare a “The extraordinary Italian taste”, manifestazione dedica-ta alla cucina italiana organizzata dalla Camera di commercio italo-americana (Italy-American chamber of commerce). Gli artigiani friulani hanno potuto mettersi in mostra accanto ad alcuni dei prodotti bandiera dell’agroalimentare tricolore come Parmigiano Reggiano, Prosciutto di Parma e olio extravergine di oliva.

Le iniziative

Nell’ambito del fitto calendario di iniziative, le aziende Fvg hanno realizzato infatti tre eventi e una masterclass con buyer, blogger e appassionati del made in Italy, raccontando i prodotti tipici e la va-rietà del territorio friulano. “È stata un’esperienza molto positiva - hanno fatto sapere da oltreoceano gli imprenditori -. I nostri prodotti sono stati apprezzati e molto da tutti i partecipanti”.

Gli obiettivi

Considerati gli obiettivi del progetto, tra i quali figurano la valorizzazione delle competenze e le relazioni dei corregionali all’estero per consentire alle imprese artigiane friulane di sondare e valutare le potenzialità di mercato dei propri prodotti, questa prima “missione” sembra aver seminato bene. Affidare agli artigiani lo storytelling delle loro produzioni sembra infatti il metodo più efficace per valorizzare i prodotti e in questo senso, la formula dei mini eventi, realizzati in località estere individuate grazie alla rete dei Fogolârs, dà loro la possibilità di farlo in un clima coinvolgente, stringendo rapporti con i propri corregionali e i Fogolârs stessi, usando anche la marilenghe.

Il presidente di Confartigianato-Imprese Udine, Graziano Tilatti, plaude all’iniziativa. “Trovare collegamenti con i nostri corregionali all'estero anche in chiave imprendito-riale è per le nostre imprese molto importante - dichiara Tilatti -. Un concetto nuovo di internazionalizzazione, che è anche un riconoscimento agli antichi  valori delle relazioni  umane,  autentiche e di valorizzazione delle enormi competenze e potenzialità scientifiche, politiche ed economiche delle comunità friulane in tutti i continenti”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • È finalmente cassa integrazione, l'Inps dice ok ai pagamenti

  • La Croazia taglia fuori gli italiani: turisti solo da 10 paesi europei

  • L'Austria non apre all'Italia, Fedriga: "Distrutta qualsiasi regola europea"

  • Spiagge, nuova ordinanza in arrivo: ecco cosa deciderà

  • Finestrini sfondati: "Le forze dell'ordine si occupino di quello per cui le paghiamo, non di multe ai locali"

  • Trovato morto nel suo letto a 26 anni, era nativo di Latisana

Torna su
UdineToday è in caricamento