L'Espresso "boccia" Pittoni: «Il capo della Commissione Istruzione ha la terza media»

Duro attacco del settimanale al senatore leghista. Immediata la replica dell'onorevole friulano: "Non ho mai smesso di studiare"

Il senatore Mario Pittoni con il ministro Matteo Salvini

"Il responsabile scuola della Lega che ha scritto per il Carroccio la riforma che dovrebbe archiviare la Buona scuola ha un curriculum scritto a penna e non ha mai chiarito quale fosse il suo titolo di studio". Questo l'incipit dell'articolo firmato da Elena Testi attraverso il quale lo storico settimanale prova a delineare il profilo del presidente della Commissione Istruzione Pubblica al Senato.

Il curriculum vitae

"Mario Pittoni - scrive Elena Testi -, classe 1950, leghista di ferro, ha un curriculum vitae facilmente consultabile sul portale web del Comune di Udine (lo potete consultare nell'allegato a piè di pagina). Poche voci, scritte in uno stampatello stentato e una calligrafia incomprensibile - sottolinea la giornalista evidenziando il fatto che il modulo sia stato compilato a mano-. Tra le voci degne di nota - prosegue -ci sono: addetto stampa di Edi Orioli, campione della Parigi-Dakar e direttore responsabile di una rivista di annunci".

Le riforme sognate dal senatore

Alcune delle rivoluzioni proposte da Pittoni per «smontare la Buona Scuola» sono l'unificazione del ciclo di studi di elementari e medie, il ritorno al "professore prevalente", concorsi su base regionale e il ripristino del "valore educativo delle bocciature". Fra queste un paio di sue proposte sono state anche inserite all'interno del patto di governo con il M5s con il chiaro obiettivo di «smontare la Buona Scuola punto per punto». Riforma che la stessa Testi ricorda essere figlia di una ministra finita al centro delle polemiche per un finto titolo di studio dichiarato. "Movimento 5 Stelle e Lega (all’epoca Nord) all'epoca chiesero le dimissioni immediate di Valeria Fedeli" evidenzia la giornalista a Mario Pittoni che risponde con una frase che sarà smentita dallo stesso senatore poche ore più tardi: «quello che c'è da sapere non si impara su polverosi libri». 

La risposta del senatore

«Non ho mai smesso di studiare. E' una passione. - precisa il senatore Pittoni in una sua replica apparsa nel pomeriggio su Facebook-. I “polverosi libri” sono un'invenzione della giornalista. Non a caso, dopo quasi undici anni che praticamente vivo al ministero dell'Istruzione, mi viene riconosciuto di conoscere la macchina ministeriale come pochi. La mia attività risulta essere più che apprezzata dagli addetti ai lavori. Non ultimo il disegno di legge per l'abolizione della chiamata diretta, che la settimana scorsa ha raccolto giudizi decisamente lusinghieri della stampa specializzata. Forse è questo che rode al Pd -commenta il senatore leghista e consigliere comunale di Udine prima di difendersi sui due punti principali rimarcati dalla giornalista: diploma superiore non conseguito e cv strimizito - Con mamma e fratello insegnanti, sono praticamente cresciuto a pane e scuola, e i miei cinque anni di medie superiori li ho fatti, anche se in due scuole diverse. La sfida sul diploma è legata al periodo, che era di contestazione globale. Ridicolo da parte de “L'Espresso” presentare come curriculum una noticina buttata lì in 3 minuti su richiesta dell'impiegata comunale».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Croazia apre anche ai turisti italiani: chiarita la posizione del Paese

  • L'Austria non apre all'Italia, Fedriga: "Distrutta qualsiasi regola europea"

  • Un grande bar all'aperto: ecco la nuova Piazza San Giacomo a Udine

  • Apre un nuovo locale: la focacceria Mamm si amplia e inaugura un forno bistrot

  • Finestrini sfondati: "Le forze dell'ordine si occupino di quello per cui le paghiamo, non di multe ai locali"

  • Coronavirus: quattro contagi in più a Udine, dodici in tutta la regione

Torna su
UdineToday è in caricamento