Scendono dalla corriera con fare sospetto, avevano addosso cocaina e contanti

Due uomini sono stati beccati dalla polizia in possesso di 90 grammi di cocaina e oltre 400 euro provento dalle attività di spaccio

Avevano addosso 90 grammi di cocaina, ma non sono riusciti a sfuggire ai controlli della polizia: due uomini sono stati fermati mentre scendevano da una corriera proveniente da Milano in autostazione a Udine e a seguito della perquisizione sono stati condotti in carcere.

I fatti

Era la serata del 14 ottobre scorso, quando personale della Polizia di Stato ha arrestato, presso l’autostazione di Udine, due uomini accusati di detenzione a fini di spaccio di 90 grammi di cocaina. Si tratta di un 27enne pakistano e un 34enne afgano, in Italia senza fissa dimora ma in regola con il soggiorno.

In particolare, il personale ha notato che i due uomini, all’atto di scendere da un pullman proveniente da Milano, via Venezia Mestre, tentavano di eludere il controllo degli agenti. Il 34enne, accortosi della presenza dei poliziotti, ritornava sui suoi passi, raggiungeva il più giovane e gli consegnava un sacchetto che il secondo abbandonava sotto i sedili delle ultime file.

All’interno dell’involucro gli agenti hanno trovato 90 gr di cocaina, posti sotto sequestro unitamente a 430 euro, ritenuti provento dell’illecita attività di spaccio. I due uomini sono stati arrestati e condotti presso la Casa Circondariale di Udine. Nella mattinata di ieri il GIP del Tribunale di Udine ha convalidato gli arresti e disposto per entrambi la misura della custodia cautelare in carcere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Travolta da un’acquasantiera, muore a 7 anni

  • Minorenne al volante per un giro con sette amici si schianta e muore a 15 anni

  • Chi era Daniele Burelli: aveva una passione profonda per le auto e i motori

  • Incidente all'alba, muore una mamma mentre accompagna la figlia a scuola

  • Taylor Mega ubriaca in diretta tv: "sono friulana, l'alcol dovrei reggerlo"

  • "Non fate il suo stesso errore", così la famiglia Burelli ricorda il ragazzo e lancia un appello

Torna su
UdineToday è in caricamento