Sbatte contro la nuda roccia mentre arrampica sul monte Glemine

L'infortunio è occorso a un 30enne di Tavagnacco, che insieme ad alcuni amici stava percorrendo a ritroso la parete attrezzata della montagna. Caricato in spalla è stato portato in spalla fino a valle

Un trentenne di Tavagnacco (Udine) feritosi mentre stava scendendo dalla falesia di Gemona, è stato recuperato la scorsa notte. L'uomo, insieme ad alcuni amici, stava percorrendo a ritroso la parete attrezzata sul fianco del monte Glemine quando è caduto battendo contro la roccia.

E' stato calato fino a un pianoro dai suoi compagni di arrampicata, che hanno chiamato i volontari del Cnsas. E' stato trasportato a spalle fino a valle, all'ambulanza del 118 che lo ha condotto all'ospedale di Gemona.

(ANSA)

Potrebbe interessarti

  • Contributi per la casa, ecco le nuove regole

  • Le piscine a Udine e dintorni: dove andare per rinfrescarsi in acqua

  • Malga Montasio: tutto quello che c'è da sapere

  • Come riconoscere l'allergia al nichel

I più letti della settimana

  • Scossa di terremoto in Friuli

  • Scossa di terremoto in Carnia, la terra trema ancora una volta

  • Violenza sessuale su una bambina di 9 anni in un locale del Cividalese

  • Mette in vendita la sua auto e si ritrova con 10mila euro in meno in tasca

  • Rubano 3mila euro di birra e cibo alla sagra e si bevono quasi tutto, denunciati

  • Auto a ruote all'aria per un brutto incidente

Torna su
UdineToday è in caricamento