Sbatte contro la nuda roccia mentre arrampica sul monte Glemine

L'infortunio è occorso a un 30enne di Tavagnacco, che insieme ad alcuni amici stava percorrendo a ritroso la parete attrezzata della montagna. Caricato in spalla è stato portato in spalla fino a valle

Un trentenne di Tavagnacco (Udine) feritosi mentre stava scendendo dalla falesia di Gemona, è stato recuperato la scorsa notte. L'uomo, insieme ad alcuni amici, stava percorrendo a ritroso la parete attrezzata sul fianco del monte Glemine quando è caduto battendo contro la roccia.

E' stato calato fino a un pianoro dai suoi compagni di arrampicata, che hanno chiamato i volontari del Cnsas. E' stato trasportato a spalle fino a valle, all'ambulanza del 118 che lo ha condotto all'ospedale di Gemona.

(ANSA)

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Uomo a terra in viale Volontari della Libertà

  • Accoltellamento in via Scrosoppi, ferita una ragazza dopo una lite

  • Confonde l'acceleratore col freno e tampona cinque auto

  • Morto folgorato al primo giorno di lavoro, si va al processo

  • Schianto nella notte, muore a 39 anni

  • Distruggono la piscina di Feletto, danni per oltre 50mila euro

Torna su
UdineToday è in caricamento