A Ugovizza si dorme sugli alberi, dentro a due pigne di legno

Venerdì 29 settembre l'inaugurazione del progetto dedicato al rilancio del territorio attraverso il turismo ecosostenibile ed il legno delle montagne friulane

E’ giunto al termine ed è già pronto per i suoi ospiti il progetto “Pigna”, frutto di un’architettura che incontra la natura delle montagne del tarvisiano e un materiale dalle grandi doti come il legno. Sarà inaugurato presso malga Priu venerdì 29 settembre dalle ore 12.30 con un tour guidato all’interno delle pigne insieme al loro architetto (il ritrovo è fissato alla chiesa di Ugovizza alle ore 12.00).

GUARDA IL VIDEO

Grazie al sostegno del progetto regionale POR-FERS per un’ottica di valorizzazione del territorio, è stato possibile realizzare le “Pigne” in tempi brevi rendendole un’iniziativa utile al Friuli Venezia Giulia. Il progetto Tree Houses nato dalla mente dell’arch. Claudio Beltrame e realizzato dalla DomusGaia di Udine, consiste in due casette sull’albero sospese a 10 metri di altezza ricalcanti la forma della conifera e che sono in grado di accogliere gli ospiti su tre livelli.

Il grande design e le innovative soluzioni architettoniche adottate l’hanno già resa in poco tempo un simbolo in Friuli Venezia Giulia non solo per la valorizzazione del territorio montano, ma anche come sito d’interesse e attrazione. Le Tree Houses infatti rappresentano il primo progetto di design per il turismo ecosostenibile in Italia, ma soprattutto un’iniziativa accessibile a tutti: le soluzioni architettoniche studiate infatti permettono la fruibilità delle strutture anche alle persone con disabilità motorie.

Un’ispirazione della natura e dalla natura che vuole ricreare il legame uomo-ambiente in chiave ecosostenibile anche grazie alla promozione dell’offerta enogastronomica di Malga Priu, committente del progetto. Tutto il legno utilizzato per le strutture è assolutamente nostrano e prelevato secondo i principi della selvicoltura naturalistica che rappresenta un piccolo passo nella cura del patrimonio boschivo friulano. Gli artigiani del legno hanno poi provveduto a realizzare le strutture con scopo ricettivo con le soluzioni maggiormente innovative del settore.

Una perla dal grande carattere innovativo che s’inserisce nel percorso intrapreso da DomusGaia nella sensibilizzazione dell’Italia sul tema legno, che va dal settore living, al settore turistico fino alla più recente realizzazione del progetto Amate Amatrice, divenuto la più grande opera di ricostruzione in post-sisma in Italia.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • Già viste su D-max, non con il legno friulano.

  • Bellissimo

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Si presenta ubriaco e insulta tutti alla riunione degli alcolisti anonimi

  • Cronaca

    Scassinano le macchinette del ticket dell'ospedale

  • Cronaca

    Ingresso proibito all'asilo perché senza vaccini, arrivano i carabinieri

  • Cronaca

    Ritrovano due statue rubate a 40 anni dal furto, all'appello ne mancano altre 20

I più letti della settimana

  • Picchia la nipote minorenne e va a letto con la madre

  • Degrado e prostituzione, chiuso un centro massaggi nell'Alto Friuli

  • Apre a Udine il tempio dei cocktail dove il vino è bandito

  • Truffa del bancomat in azione, rubati oltre 3mila euro da un conto

  • Auto finisce fuori strada e si ribalta nella vigna

  • Arriva in regione Chef Rubio e lo sfottò sui friulani è assicurato

Torna su
UdineToday è in caricamento