Addio alla scritta "Champions du monde" di via Sarpi

Dopo 9 anni è sparito uno dei pochi ricordi presenti in città di quel magico e inaspettato mondiale vinto dall'Italia nel 2006 in Germania. Con la caduta dei calcinacci è però riapparsa una bella sorpresa

Il muro con la scritta ancora presente

Il 9 luglio del 2006, a Berlino, l'Italia si laureò per la quarta volta nella sua storia campione del mondo di calcio, e tutte le piazze della penisola si riempirono di tifosi in delirio al ritmo di quell'indimenticabile 'Po po po po po po po' (il ritornello tratto da "Seven nation army" dei White Stripes) che divenne poi la colonna sonora di una vera "estate italiana". La scritta in francese "Champions du monde", presente fino a pochi giorni fa su una facciata di un palazzo disabitato di via Sarpi (al civico 21), era figlia di quella "notte magica" che tutti i tifosi italiani attendevano da 16 anni, ovvero da quando l'argentino Claudio Caniggia infranse il sogno di una nazione intera che vedeva la strafavorita Italia di Maldini, Baggio, Giannini e Schillaci giocare il Mondiale del 1990 in casa.

La frase "Campioni del mondo" da 9 anni allietava i cuori dei tifosi che passeggiavano per quella via e, anche se sporadicamente, aiutava ad alimentare un po' di orgoglio italico. Da qualche giorno però, a causa di alcuni lavori, forse a causa della caduta di alcuni calcinacci, è andata persa per sempre. Per mettere in sicurezza la parete dell'edificio è stata tolta, infatti, una parte dell'intonaco presente sulla facciata, poi rafforzata con del cemento. L'operazione ha però portato una sorpresa inaspettata: dalla facciata è riemersa un'antica e piccola porta ad arco murata e dimenticata chissà da quanti decenni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si getta nelle acque gelide del canale per salvare il suo labrador, è la compagna di mister Gotti

  • La scommessa di Alessandro: un'osteria nel cuore di Udine dove bere meno e meglio

  • Pagati per stare a letto 60 giorni a pochi chilometri dal Friuli, si cercano volontari

  • Camminano per strada rientrando in albergo e gli arriva un secchio di urina in testa

  • Schianto fatale lungo la regionale 356, perde la vita un motociclista

  • Incidente mortale a Faedis, la vittima è il 56enne Michele Cabas

Torna su
UdineToday è in caricamento