Serracchiani annuncia l’addio tra lacrime e applausi

La Presidente della Regione non si ricandiderà per le prossime regionali, ma dice "sì" alle politiche. L'annuncio è arrivato durante l'assemblea regionale del Partito democratico nella sede udinese di via Joppi

Debora Serracchiani (foto Marco Zanolla)

Le lacrime di Debora Serracchiani, l'abbraccio al presidente dell'assemblea Salvatore Spitaleri e alla segretaria del partito Antonella Grim, il lungo applauso successivo. Sono questi i momenti più significativi e intensi del commiato della presidente del Regione Friuli Venezia Giulia, intervenuta all'assemblea regionale del Pd nella sede udinese di Via Joppi. Serracchiani ha ufficializzato così quello che si sapeva da tempo, e cioè la volontà di non ricandidarsi per le prossime elezioni regionali, e di mettersi a disposizione per le politiche. 

Il discorso di Debora Serracchiani

La strategia

«Il Friuli Venezia Giulia si è giovato della mia doppia veste, altrimenti non avrebbe avuto lo stesso peso a livello nazionale - ha detto Serracchiani -. Ho interpretato il ruolo di Presidente con coraggio, penso. Amo fare politica e oggi sono emozionata. Il Pd deve fare strada, ma per la Regione abbiamo fatto tanto come la riforma sulla sanità e il decreto attuativo del porto franco, frutto di un lavoro forte. Allargare la coalizione è importantissimo - ha proseguito - . Abbiamo governato con una maggioranza larghissima e uno sguardo lungo, utilizzando strategia. La prossima legislatura troverà molti progetti già pronti come il piano per il sistema idrico integrato, il piano strategico del turismo e il piano del paesaggio con finanziamenti europei già impostati e il controllo della spesa sui finanziamenti. Lasciamo una Regione in vantaggio, nettamente, frutto di un lavoro continuativo». 

Tra soddisfazione e rammarico

A chi la accusa di fuga Serracchiani ha replicato senza remore. «Ho la coscienza a posto e ho ricevuto diverse attestazioni di buon lavoro. Ho vacillato, ma anche l'opposizione è consapevole del grande lavoro svolto, altrimenti non avrebbero avuto nulla da opporre». «La mia soddisfazione più grande - ha precisato con convinzione - è stata la riforma sulla sanità. Mi sono resa conto di quanto ce ne fosse bisogno e ne saremo consapevoli solo negli anni a venire. Il mio più grande rammarico è che in alcune cose sarei dovuta andare fino in fondo e seguire l'istinto. Mi sarei anche dovuta godere un po' di più la vita probabilmente. Mi sarebbe piaciuta una sfida sui programmi, ci sono proposte concrete, dalla regionalizzazione dell'istruzione ad altro sulla sanità».

La sinistra al governo

«Non è tutto andato come avremmo voluto. Questo accade anche perchè la sinistra, sia regionale che nazionale, è in crisi quando governa, perché è un partito molto responsabile. Non sempre siamo in grado di portare fino in fondo il peso di questa reponsabilità. Contro l'opposizione siamo uniti. Quando governiamo abbiamo difficoltà di tenuta. Questo accade anche nel Centro-Destra però». «Metto a disposizione le mie competenze per la mia Regione, il mio partito e il mio Paese con le prossime politiche - ha concluso la Presidente -. Voglio restare vicina al Friuli e portare a termine ciò che ho iniziato».

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Avatar anonimo di Gino
    Gino

    ipocrisia pura. noi non piangeremo di certo.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Coppia in auto con una bimba di 6 anni e 10 chili di droga

  • Cronaca

    Minorenne aggredisce e picchia la madre, in casa aveva dell'hashish

  • Sport

    Friulani campioni di fair play, Salvini si complimenta: da voi zero violenze agli arbitri

  • Cronaca

    Scappa al posto di blocco e rischia di investire il postino

I più letti della settimana

  • Stroncato da un brutto male un bimbo di 8 anni

  • Discoteca abusiva a Remanzacco, denunciati due 16enni

  • Premariacco alle prese con il tremolio misterioso

  • Scossa di terremoto tra Lusevera e Montenars

  • Strage di vongole, cappelunghe e fasolari in Laguna: colpo di grazia per i pescatori

  • Aggredisce il fratello con un pugno al funerale del padre

Torna su
UdineToday è in caricamento