Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Differenziata, Fontanini: "La sinistra non capisce quanto conta, venga Greta Thunberg a spiegarglielo"

Il sindaco, a margine della conferenza stampa di Giunta, ha lanciato una provocazione invitando la giovane attivista svedese, impegnata nella lotta contro il cambiamento climatico
Torna a Differenziata, Fontanini: "La sinistra non capisce quanto conta, venga Greta Thunberg a spiegarglielo"

Commenti (11)

  • Il Sindaco dice che è l'unico modo per risparmiare. Ma chi risparmia ? Chi ci guadagna ? Il Comune ? L'azienda preposta al ritiro rifiuti ? I cittadini non credo proprio perché già è stato detto e scritto che la tassa sui rifiuti aumenterà. Poi probabilmente dovremmo acquistare dalla NET anche i contenitori ed i sacchetti perché quelli del supermercato, anche se biodegradabili, per qualche motivo non andranno bene. Sono assolutamente d'accordo con la raccolta differenzia spinta purché tutti ne traggano vantaggio.

    • ma perchè improvisi a caso. i sacchetti compostabili SONO COMPOSTABILI. "gli altri" li usano da un lustro. compostabile e biodegradabile SONO DUE COSE DIVERSE. bidoncini in comodato e sacchi compresi nell'annualità. ripeto PERCHE' INVENTI A CASO ?!?!?!?!

  • La raccolta porta a porta dell'umido è obbiettivamente un gran scomodità. In centro a Udine abbiamo già la differenziata porta a porta per plastica, carta e indifferenziato. In pratica conferiamo nel bidone solo l'umido. Il risultato è che nel bidone marrone dell'umido sotto casa nostra si trova di tutto: plastica, calcinacci, cartoni.... La differenziata spinta, al di la della scomodità, avrebbe però il vantaggio di potere individuare e sanzionare (se mai continueranno ad esserci) i maleducati che non capisco l'importanza di certi gesti

  • Mi piacerebbe tanto vedere il mastrino del risparmio da differenziata così come proposto del sindaco .

  • Questo Sindaco continua a fare polemica invece di discutere. Dice che "hanno già stabilito" e che gli altri "non capiscono". Come per via Mercato Vecchio la strada giusta sarebbe stata discutere prima di decidere, non dopo. Inoltre non è solo la sinistra che è contraria alla soluzione proposta dalla giunta, ma anche altre forze politiche e gran parte della popolazione. Comunque il problema esiste. Come adesso non va affatto bene, soprattutto perché negli anni si è degradata la qualità dei "depositi" degli udinesi.

  • La differenziata serve, senza se e senza ma. Concordo però che tra il dire e il fare c'è di mezzo un periodo lungo e difficile in cui ci si deve abituare, in cui è normale ci siano criticità che vengono poi via via risolte. Vivo in provincia di Gorizia, in un paese dove la differenzia porta a porta si fa e funziona (e pure bene).

    • ci si deve abituare. i 7 giorni più difficili di tutta una vita

  • chi non capisce cosa. il riciclo, la differenziazione, cosa c'è di complicato da capire.

    • Il sistema che propongono prevede di portare fuori le varie immondizie a giorni prestabiliti. Noi siamo abituati a scaricare quando serve o ci fa comodo. L'importante sarebbe di essere più scrupolosi e precisi. Da un po' di tempo si vede di tutto e non va affatto bene.

      • Io lo faccio da più di 10 anni, trovo ridicolo chi si sforza nel trovare difficoltà che non ci sono. Anzi, il sacco della plastica appoggiato al muretto fa risparmiare centinaia di metri alla ricerca del contenitore più vicino. I bidoni fissi in strada sono uno schifo, quando vado al mare e sono costretto a gettare sacchi di rifiuti misti mi viene male! Al solo pensiero di dover toccare il coperchio di un bidone stradale, per aprirlo, mi fa venire i conati di vomito

  • Completamente fuori strada .

Torna su
UdineToday è in caricamento