Edilizia, ripresa troppo lenta: il 15 marzo si ferma tutto il comparto

In Fvg recuperati 1.200 posti dal 2016, ma sono 5.500 quelli persi dal 2008 Sciopero di 8 ore e manifestazione a Roma indetti dai sindacati: «Un segnale forte al Governo»

Si moltiplicano anche in Friuli Venezia Giulia le iniziative dei sindacati delle costruzioni che fanno riferimento alle maggiori sigle - Cgil Cisl Uil - in vista dello sciopero generale nazionale previsto per il prossimo 15 marzo a sostegno del rilancio del settore, che sarà accompagnato da una grande manifestazione nazionale in programma a Roma, in Piazza del Popolo. «Servono politiche industriali, in Friuli Venezia Giulia come a livello nazionale, capaci di far ripartire l’edilizia, la filiera dei materiali e dell’arredo, anche con il sostegno delle banche e delle finanziarie pubbliche, chiamate a sostenere, assieme alle imprese e alle istituzioni, il rilancio di questo settore, fondamentale volano per la ripresa dell'intero Paese». Questo l'appello lanciato dai segretari regionali di Fillea-Cgil, Filca-Cisl e Feneal-Uil, Emiliano Giareghi, Gianni Barchetta e Massimo Minen, che invitano i lavoratori a una massiccia adesione, «fondamentale per dare un segnale forte al Governo, alle imprese e a tutto il Paese», per uscire da una crisi che in regione è costata oltre 5mila posti di lavoro nel solo settore delle costruzioni e dalla quale il comparto stenta tuttora a riprendersi.

Ripresa lenta

Analizzando i numeri del settore in regione, i dati delle casse edili evidenziano una ripresa rispetto al 2016, quando di è toccato il punto più grave della crisi. Se due anni fa il settore risultava quasi dimezzato, con quasi 7.000 posti persi rispetto agli oltre 14mila del 2008 e ben 1.200 imprese in meno, rispetto alle 3mila che si contavano prima della crisi, il 2017 e il 2018 hanno visto un’inversione di tendenza: se il numero di imprese resta sostanzialmente stabile, i lavoratori attivi sono aumentati di 1.200 unità, risalendo dai 7.459 di ottobre 2016 agli 8660 di ottobre 2018, ma è un recupero troppo lento ed esposto a mille incognite, in un comparto che ancora stenta a smaltire il doppio choc determinato dal crollo dell’edilizia privata e dalla lentezza degli appalti pubblici.

image001-3-9

Governo inerte

I sindacati puntano il dito contro l'inerzia del Governo sulle grandi opere e chiedono di «spendere presto e bene tutte le risorse disponibili per le grandi e piccole opere, necessarie per rilanciare il Paese e per creare nuova occupazione». Bene quindi il piano per l'avvio delle opere di ripristino dopo i danni del maltempo nell'Alto Friuli e nel pordenonese, ma i sindacati i sindacati sollecitano anche un piano straordinario di manutenzione e messa in sicurezza del territorio, l'accelerazione degli interventi per la messa a norma del patrimonio residenziale pubblico, a partire dalle scuole, e il sostegno, attraverso nuovi incentivi anche di carattere regionale, di interventi per la prevenzione antisismica anche degli edifici privati.

Legalità

Accanto al rilancio delle politiche industriali per il rilancio dell'edilizia, i sindacati chiedono anche «interventi normativi capaci di sostenere il lavoro di qualità, sicuro e ben pagato, sburocratizzando dove serve e tutelando ciò che funziona anche del Codice degli appalti, a partire dal limite al subappalto, dal rispetto del Contratto collettivo edile, dall’introduzione della congruità contro ogni forma di lavoro nero ed irregolare».

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Quattro rimedi naturali per allontanare le cimici da casa

  • Quando si possono accendere i termosifoni: tutte le date città per città

  • Nuove finestre: materiali, chiusure e detrazioni fiscali

  • Vetri: i rimedi e i prodotti per pulirli

  • Come fare il cambio di stagione senza stress

  • Giardino in autunno: quali piante coltivare?

Torna su
UdineToday è in caricamento