Divano: come scegliere quello giusto per il proprio salotto

Una breve guida ai modelli presenti sul mercato per facilitare la scelta del proprio divano ideale

Il divano è diventato un complemento d'arredo essenziale in ogni casa. Comodo, accogliente, rilassante, nessuno può più farne a meno. Sul mercato, poi, si trovano tantissimi modelli diversi: allungabili, divani-letto, a due, tre o più posti. Insomma, la scelta è davvero difficile, anche perché, oltre alle dimensioni, bisogna anche scegliere il materiale.

Come scegliere il divano adatto

Per acquistare un divano veramente adatto alle proprie esigenze, bisogna tenere in considerazione un paio di elementi: lo spazio a disposizione nel salotto; il numero di componenti della famiglia e le loro abitudini; l'uso principale del divano; comodità, resistenza e praticità; lo stile della casa e i gusti personali.

Lo spazio a disposizione

Se lo spazio a disposizione in salotto è poco, ovviamente si cercherà di optare per un divano a due o tre posti. Un'idea in più è l'acquisto di un divano contenitore, che permette di riporre al suo interno coperte e cuscini. Se, invece, lo spazio è abbastanza grande, si possono scegliere divani più grandi con penisola o senza, divani ad angolo oppure due divani separati.

L'uso del divano

Nella scelta del divano giusto, bisogna tenere anche in considerazione chi userà il divano e con quale scopo. Il divano piccolo da due posti è perfetto per una coppia, ma non per una famiglia con bambini. Se ci sono bambini piccoli, poi, sarebbe meglio foderare il divano, al fine di evitare macchie sgradite sulle sedute o sullo schienale. Se, poi, in casa ci sono animali domestici, è importante proteggere il divano da graffi e peli con copri-divani adatti per questo, resistenti e lavabili in lavatrice. Nella scelta, inoltre, è importante anche capire la funzione principale del divano: zona di conversazione, zona tv, zona gioco, zona lettura. Insomma, le possibilità sono tante, e per ognuna c'è un divano adatto: più morbido e con zone relax, luci soffuse, lampade per illuminare, tavolini per appoggiare le cose e quant'altro.

Il rivestimento

Anche qui la scelta è da prendere in base alle proprie necessità e alle proprie abitudini. Il rivestimento in pelle è quello più resistente e di pregio, ma anche il più costoso. In alternativa, si può scegliere in similpelle, materiale sintetico più economico del primo, ma meno resistente. Si può scegliere, poi, tra materiali in tessuto (anche in versioni sfoderabili) che possono essere in fibre naturali o in fibre sintetiche. Ancora, in microfibra (traspirante, lavabile, impermeabile, confortevole).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piano cottura a induzione: come funziona e quali sono i vantaggi?

  • Umidità in casa? Perché acquistare un deumidificatore

  • Termosifoni: come pulirli e averli sempre funzionanti

  • Lampada di sale: proprietà e benefici

  • Bonus facciata e il rimborso del 90%: come funziona

  • Caraffa filtrante: a cosa serve e come funziona?

Torna su
UdineToday è in caricamento