Dieta del Supermetabolismo: cos'è e cosa prevede

Arriva direttamente da Hollywood e promette di perdere perso con equilibrio ed educazione alimentare

La dieta del Supermetabolismo è un programma nutrizionale che arriva direttamente da Hollywood, e che promette di aiutare a perdere fino a 9 chili in quattro settimane. Questa dieta, seguita da star come Jennifer Lopez, è stata sviluppata da Haylie Pomroy, una celebrità della nutrizione e consulente del benessere.

La sua filosofia

Secondo la filosofia della Pomroy, basata sul motto “Food is medicine”, mangiare cibi particolari in determinati momenti della giornata fa accelerare il metabolismo, con conseguente perdita di peso. Ma la Pomroy, oltre a un piano alimentare settimanale, fornisce nel suo libro anche un ampio elenco di cibi da evitare, un vademecum di ricette e, infine, un forte incoraggiamento ad associare diverse tipologie di esercizio fisico ad ogni fase della dieta.

La dieta

Il programma è diviso in tre fasi, che si ripetono su base settimanale, per un totale di quattro settimane. Le porzioni variano in base alla fase e alla quantità di peso che si desidera perdere, ma il minimo comun denominatore è l’obbligo di consumare 5 pasti al giorno e il divieto assoluto di assumere i seguenti alimenti:

  • zuccheri di qualunque tipo (compresi tutti gli alcolici)
  • latticini
  • caffeina e teina 
  • lieviti e le farine di grano
  • mais e soia

Fase 1 (lunedì-martedì)

I promotori della dieta sostengono che questa fase distende dallo stress e convince il corpo che non sta più cercando di immagazzinare il grasso. Durante questi due giorni, dovresti mangiare proteine, frutta ad alto contenuto glicemico, come pere, mango, ananas e melone, e cereali integrali ad alto contenuto di carboidrati, come farina d'avena, riso integrale, farro e pasta di riso integrale

Questi alimenti sono pensati per stimolare la tiroide e a bruciare i grassi, le proteine e i carboidrati in modo più efficiente - e convertire lo zucchero in energia, invece di immagazzinarlo come grasso. Durante questa fase ci si diverte con un po' di sport cardio.

Fase 2 (mercoledì-giovedì)

Questa fase dovrebbe sbloccare le riserve di grasso e incrementare la massa muscolare. Durante questi due giorni, la dieta dovrebbe essere ricca di proteine e di verdure non amidacee e alcalinizzanti, ma priva di carboidrati e grassi. I cibi magri e ad alto contenuto proteico che aiutano la formazione dei muscoli includono carne di manzo, bisonte, tacchino, pesce e pollo, ma anche verdure come cavoli, broccoli, cavoli, spinaci, cetrioli e cavoli.

La seconda fase è sicuramente la più difficile da superare, non solo per la completa assenza di carboidrati e grassi, ma soprattutto per la difficoltà di mangiare solo carne, pesce e verdure scondite nelle quantità indicate. Unica salvezza è seguire l’incoraggiamento di fare almeno una sessione di sollevamento pesi per sfogarsi e bruciare tutte le proteine accumulate.

Fase 3 (venerdì-domenica)

Questa fase è progettata per accelerare il metabolismo e la combustione dei grassi. Durante questi tre giorni, finalmente si reintegrano i grassi sani in pasti e spuntini mentre si consumano quantità moderate di proteine e carboidrati. Gli alimenti da mangiare in questa fase includono olio d'oliva, uova, noci, semi, cocco, avocado e olive. Questa fase va accompagnata con attività rilassanti, come lo yoga, la meditazione o anche un massaggio con lo scopo di abbassare i livelli di ormone dello stress e aumentare la circolazione dei composti brucia grassi.

Dove acquistare cibi biologici a Udine e dintorni

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piano cottura a induzione: come funziona e quali sono i vantaggi?

  • La "speranza per Maria" si è spenta in maniera tragica

  • Incidente all'alba, muore una mamma mentre accompagna la figlia a scuola

  • Taylor Mega ubriaca in diretta tv: "sono friulana, l'alcol dovrei reggerlo"

  • Incidente mortale, grave una 25enne barista a Lignano

  • "4 Ristoranti", le prime indiscrezioni su quello che è piaciuto di più ad Alessandro Borghese

Torna su
UdineToday è in caricamento