Confcooperative Fvg apre lo “Sportello Europa”

Una rete di oltre 600 cooperative pronta a giocare la partita dei fondi europei nel modo migliore. Oggi, infatti, meno del 22 per cento delle pmi che partecipano ai programmi europei sono orientate all’innovazione

Uno “Sportello Europa” per le imprese che vogliono accedere ai fondi europei, è stato avviato Confcooperative Fvg. Rivolgendosi allo Sportello, la struttura dell’organizzazione cooperativa fornirà alle imprese aderenti un canale d’accesso per orientarsi nel mondo dei finanziamenti comunitari, sostenerle nella partecipazione ai bandi, orientandole e indirizzandole verso le fonte di finanziamento più adeguata. Il rischio che si corre, altrimenti, è quello di incorrere un uso non ottimale delle risorse. Secondo la Commissione europea, infatti, fa sapere Confcooperative Fvg, ancora poche imprese utilizzano in maniera strategica le opportunità offerte dai fondi europei e, soprattutto, meno del 22 per cento delle pmi (cooperative comprese) che partecipano ai programmi europei, sono orientate all’innovazione.

«I fondi europei sono una delle chiavi di volta dell’innovazione e dell’internazionalizzazione: purtroppo ancora poche imprese si cimentano con questa possibilità ed è quindi necessario uno sforzo ulteriore per far crescere mentalità e professionalità, ma anche per mettere in rete le proposte che pervengono ai nostri uffici», spiega Flavio Sialino, vicepresidente regionale di Confcooperative, con delega all’internazionalizzazione. Già a giugno, infatti, Confcooperative Fvg aveva ricevuto un prestigioso riconoscimento a Bruxelles, scelta fra le sedici migliori best practice europee in materia di collaborazione tra scuola e imprese.

«La nostra è una rete di 600 imprese cooperative, pronta a giocare la partita dei fondi europei e a costruire partenariati internazionali», è l’obiettivo dichiarato da Sialino per Confcooperative Fvg. «Creando sinergie fra cooperative e fra cooperative e territorio, vogliamo mettere in moto un processo in grado di creare prospettive di crescita, mantenere i livelli di successo raggiunti e trasferire nel tempo, alle future generazioni, le buone prassi acquisite», conclude Sialino.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Accoltellamento in via Scrosoppi, ferita una ragazza dopo una lite

  • Schianto mortale nella Bassa, perde la vita un 26enne

  • Quando si possono accendere i termosifoni: tutte le date città per città

  • Le migliori pasticcerie di Udine secondo TripAdvisor

  • Via Roma, si attacca alla fondina di un poliziotto e cerca di prendergli la pistola

  • Uomo a terra in viale Volontari della Libertà

Torna su
UdineToday è in caricamento